Home Appuntamenti del Mese Cielo del Mese La GRANDE Irene E LA PICCOLA Edisona insieme, sui campi fioriti di...

La GRANDE Irene E LA PICCOLA Edisona insieme, sui campi fioriti di Vergine e Chioma

Letto 3.155 volte
0
Asteroidi Marzo 2013
Il percorso apparente in febbraio di Irene e Edisona, due asteroidi che si muoveranno di conserva, distanziati di un paio di gradi, nella regione di confine tra Chioma di Berenice e Vergine. Il 22 marzo Irene raggiungerà il massimo avvicinamento alla Terra del periodo 1934-2088, e lo festeggerà transitando sulla galassia ellittica M100. Anche il piccolo Edisona si produrrà in due transiti su galassie del catalogo Messier.

Mentre scrivo mancano ancora un paio di settimane al passaggio di 2012 DA14, il piccolo asteroide (vedi Coelum n. 167) che in febbraio farà ovviamente molto più notizia dell’incedere tranquillo di Nausikaa
e Cybele, i due pianetini di cui vi ho parlato nello scorso numero. Dal mio punto di vista temporale la montagnola sfiorerà il nostro pianeta tra una quindicina di giorni, e di questo, come delle circostanze dell’evento, posso parlare senza alcuna incertezza, se non quella legata alle condizioni meteo; perché gli asteroidi questo hanno di bello rispetto alle comete: che rispettano alla lettera le previsioni sulla loro luminosità. Per cui – senza ombra di dubbio – se il tempo sarà stato bello voi lettori avrete avuto il modo di seguire uno dei più veloci attraversamenti del cielo da parte di un oggetto tanto luminoso da poter essere osservato anche con un binocolo.
Irene e EdisonaPer tornare agli asteroidi “seri”, in marzo saranno sei gli oggetti in opposizione a scendere sotto la undicesima magnitudine; di questi, solo 3 – Eunomia, Amphitrite e Irene – scenderanno sotto la mag. +10, e solo uno – Irene – addirittura sotto la +9… Eh sì, perché il pianetino (14) Irene, come già vi avevo anticipato il mese scorso, in marzo si produrrà in un avvicinamento da record, impossibile da trascurare.
Tanto per dare una ripassatina, sarà bene ricordare che (14) Irene è il quarto asteroide scoperto (su un totale di dieci) dall’inglese John Russell Hind (1823-1895) presso l’osservatorio privato che un tempo sorgeva in Regent’s Park, a Londra.

tabella asteroidi Marzo
Nella tabella vengono forniti i dati di sorgere, transito e relativa altezza sull’orizzonte, e del tramonto dell'oggetto; quindi luminosità, distanza dalla Terra, elongazione rispetto al Sole, coordinate equatoriali calcolate per le ore 00:00 TMEC e costellazione. Gli istanti sono in TMEC (TU+1 fino alle ore 02:00 del 31 marzo, quindi TU+2) e calcolati per una località situata a 12° di longitudine Est, 42° di latitudine Nord.

Leggi tutti i dettagli e i consigli per l’osservazione, nell’articolo tratto dalla Rubrica Asteroidi di Talib Kadori presente a pagina 70 di Coelum n.168.

Articolo precedenteAssociazione Astrofili Centesi
Articolo successivoLa cometa che punta su Marte