AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Luglio 2018
Ci sono 222 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.296 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Scelta la destinazione finale della cacciatrice di comete su 67P: Rosetta effetuerà la discesa controllata sulla regione di Ma’at, nome che nella religione egiziana rappresenta l’ordine cosmico.

    Gli ingegneri dell’Agenzia Spaziale Europea hanno selezionato la regione Ma’at, sul nucleo della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, come teatro dell’impatto controllato che porrà fine alla straordinaria missione della sonda Rosetta.

    La sonda si appoggerà sulla superficie della cometa alle 12:30 ora italiana del 30 settembre. La scelta del sito di atterraggio è ricaduta su Ma’at a causa dell’elevato potenziale scientifico dei numerosi punti attivi che popolano questa regione. Ma’at è situata sul lobo minore di 67P.

    Rosetta ha trascorso più di dodici anni nello spazio profondo, di cui due nei paraggi di una cometa attiva. Inoltre, dopo aver doppiato il perielio della sua orbita un anno fa, la cometa 67P sta ora risalendo verso l’altezza dell’orbita di Giove, allontanandosi sempre di più dal Sole. Entro fine anno, i pannelli solari di Rosetta non saranno più in grado di generare abbastanza energia da alimentare tutti i sistemi di bordo.

    A partire dal 2011, Rosetta era stata in ibernazione per ben 31 mesi. Tuttavia, non si era mai avventurata fino a distanze dal Sole simili a quelle dell’afelio di 67P — circa 850 milioni di chilometri. A distanze così grandi, gli scienziati temono che nemmeno in fase di ibernazione la sonda possa mantenere la sua temperatura interna abbastanza elevata da sopravvivere. Da qui, la decisione di terminare la missione entro la fine di quest’anno. Lo scenario del finale di missione era già stato proposto nel 2014.

    Durante gli ultimi attimi della sua drammatica discesa, Rosetta sarà in grado di ottenere dati mai raccolti prima. Le comunicazioni con la sonda termineranno non appena essa toccherà il suolo della cometa.
    La discesa della sonda verso il nucleo inizierà circa 12 ore prima dell’impatto, quando Rosetta eseguirà un’ultima manovra a 20 km di quota. L’impatto avverrà a una velocità di circa 50 centimetri al secondo, pari alla metà di quella di Philae.

    L’ordine cosmico attende Rosetta
    (fonte: ASI TV – WEB TV dell’Agenzia Spaziale Italiana)

    Leggi lo speciale Rosetta sul Coelum 204 di ottobre 2016!
    Semplicemente… clicca e leggi, è gratis!

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento