AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Ottobre 2019
Ci sono 247 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.356 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Sì, l’ha trovato la sonda Cassini in una tenuissima atmosfera che avvolgerebbe Rhea, una delle lune di Saturno.

    Sì, l’ha trovato la sonda Cassini in una tenuissima atmosfera che avvolgerebbe la luna di Saturno. È poco più di un’idea di atmosfera, dato che quella terrestre ha una densità di 5000 miliardi di volte superiore, ma c’è e soprattutto è la prima volta che l’ossigeno è stato rilevato nell’atmosfera di un altro corpo celeste.

    Rhea fotografata da Cassini

    Rhea fotografata dalla sonda Cassini (NASA/JPL).

    Pare che la fonte di questo ossigeno sia la decomposizione dell’acqua contenuta nel ghiaccio superficiale quando il campo magnetico di Saturno interagisce con la sua seconda luna (per grandezza dopo Titano). In questo modo, dalla decomposizione dell’acqua riusciamo a spiegare la presenza di ossigeno, ma nell’atmosfera è presente anche diossido di carbonio per la cui presenza non si hanno ancora ipotesi accettabili.
    Se proviene dal ghiaccio secco delle comete che si sono schiantate su Rhea nel corso dei milioni di anni o se proviene dalla respirazione di elementari forme di vita che vivono sotto la superficie ghiacciata non ci è dato a saperlo, ma gli studiosi sono all’opera e sopratttutto c’è ancora Cassini in giro per il sistema saturniano.

    Per quanto riguarda Cassini che è andata in safe-mode il 2 novembre, ha ripreso tutte le sue attività il 24 novembre scorso e ha festeggiato il ritorno all’operatività con un flyby di Encelado a soli 47,9 km dalla superficie.
    La causa del safe-mode è da ricercarsi in un errore nel codice di programmazione. Una riconfigurazione corretta è già stata inviata alla sonda.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento