AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
24 Ottobre 2019
Ci sono 188 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 3.350 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Per domani prossimo passaggio ravvicinato della sonda al Gigante Gassoso, ma il previsto inserimento nell’orbita operativa è stato rimandato almeno di un paio di mesi. La buona notizia è che quindi anche questo sorvolo avrà gli strumenti attivi pronti a raccogliere dati!

    Un'impressione artistica che mostra Juno, la sonda della NASA, durante uno dei suoi sorvoli a distanza ravvicinata di Giove. Credits: NASA

    Rallentamenti in vista per l’inizio della campagna scientifica di Juno. Il 19 ottobre, la sonda americana avrebbe dovuto eseguire una manovra di riduzione del periodo orbitale, o PRM, con la quale si sarebbe calata nella sua prima orbita operativa. La manovra avrebbe ridotto il periodo orbitale dai 53,4 giorni dell’orbita di cattura ad appena due settimane. I responsabili della missione hanno invece annunciato che la manovra è slittata a non prima del prossimo perigiovio, previsto per l’11 dicembre, in seguito alla scoperta di un problema nelle valvole del sistema di pressurizzazione ad elio.

    Coelum 202 luglio agosto

    Volete scoprire di più su Juno e Giove? Non perdetevi il nostro ampio speciale (con interviste agli scienziati della missione) su Coelum Astronomia n. 202. Potete sfogliare la rivista, completamente gratuita e digitale, cliccando sull'immagine o a questo link: https://goo.gl/oGLXBZ

    La manovra PRM segnerà l’ultimo utilizzo del motore principale Leros 1b. Il rinvio della manovra dovrebbe fornire abbastanza tempo agli ingegneri per valutare e risolvere il guasto.
    «I dati di telemetria indicano che due valvole di ritegno nel sistema a elio non hanno operato come previsto durante una sequenza di comandi eseguita il 13 ottobre,» spiega Rick Nybakken della NASA. «Le valvole si sarebbero dovute aprire nel giro di qualche secondo, e invece hanno impiegato parecchi minuti. Abbiamo bisogno di comprendere a fondo questo problema prima di proseguire con l’accensione del motore principale».

    Durante il perigiovio del 19 ottobre, tutti gli strumenti scientifici a bordo di Juno sarebbero rimasti spenti, in modo da non interferire con la cruciale manovra. Tuttavia, visto che l’accensione del motore è slittata a non prima dell’orbita successiva, gli strumenti di Juno saranno attivi per tutta la durata del sorvolo.
    «È importante notare che il periodo orbitale non determina la qualità delle misurazioni che effettuiamo durante i vari sorvoli di Giove,» spiega Scott Bolton, a capo della missione. «In questo senso, la missione è molto flessibile. I dati raccolti durante il nostro primo sorvolo, quello del 27 agosto, sono stati una vera e propria rivelazione, e mi aspetto risultati simili dal sorvolo del 19 ottobre».


    Continua l’esplorazione del Sistema Solare con Coelum 204 di ottobre
    Semplicemente clicca e leggi! È gratis…


    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento