Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
23 Settembre 2017
Ci sono 479 utenti collegati
Atik Cameras
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 7.180 volte
    Nessun commento
    Commenta
    La sonda della NASA Cassini, in orbita attorno a Saturno dal 2004, sta per iniziare l’ultimo capitolo della sua straordinaria avventura.

    L'illustrazione mostra la sonda della NASA Cassini al di sopra dell'emisfero nord di Saturno, pronta a tuffarsi nello spazio tra l'atmosfera del pianeta e i suoi anelli, in una delle 22 orbite del suo Grand Finale. Credits: NASA/JPL-Caltech

    Il 26 aprile, una prima immersione nel vuoto di 2.400 chilometri che separa Saturno dagli anelli segnerà l’inizio del Grand Finale.

    «Nessuna missione è mai passata in questa regione unica che cercheremo di attraversare con coraggio per 22 volte»

    ha dichiarato nel comunicato Thomas Zurbuchen, del Science Mission Directorate della NASA a Washington.
    «Grazie a queste orbite audaci migliorerà la nostra comprensione dei pianeti giganti e dei sistemi planetari, della loro formazione ed evoluzione».

    Una delle ultime straordinarie immagini rilasciate dal team Cassini: una sottile falce di Saturno. Anche se in questa immagine è visibile solo una sottile falce di Saturno illuminata dal Sole, l'enorme pianeta gassoso domina comunque l'immagine. Impressione possibile dal punto di vista della sonda Cassini, dal quale l'anello B diventa scuro e quasi opaco, mentre la silouette dell'anello C subito sotto, lascia passare la luce riflessa di Saturno quasi come se non ci fosse. L'anello F appare invece come un arco luminoso e brillante. L'immagine è stata ripresa dalla wide camera a bordo di Cassini, il 18 gennaio 2017, da una distanza di 1 milione di chilometri dal pianeta. La risoluzione è di circa 61 chilometri per pixel. Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute

    A 20 anni dal lancio e dopo aver trascorso 13 anni in orbita nel sistema di Saturno, ora la Cassini è a corto di carburante.
    La fine della missione venne decisa nel 2010, programmando un’immersione della sonda nel pianeta per preservare da eventuali impatti le lune ghiacciate e i loro ambienti potenzialmente abitabili.

    Anche se l’idea che tra cinque mesi la sonda non ci sarà più è un po’ amara e dura da digerire, per gli scienziati l’inizio della fine è come intraprendere una nuova missione: sfruttando tutta l’esperienza maturata in questi anni, il team ha cercato di pianificare il tour finale massimizzando gli obiettivi scientifici.
    «Questa conclusione per il viaggio della Cassini è di gran lunga la scelta preferita dagli scienziati della missione», ha detto ha detto Linda Spilker, project scientist al Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. «Cassini farà alcune delle sue osservazioni più straordinarie proprio al termine della sua vita».

    I comandi che daranno il via al Grand Finale verranno inviati alla sonda l’11 aprile.
    La traiettoria verrà modificata dall’ultimo fly-by attorno a Titano previsto per il 22 aprile, che spingerà la Cassini ad attraversare il vuoto tra Saturno ed il bordo più interno degli anelli:
    «Sulla base dei nostri migliori modelli, ci aspettiamo che nel vuoto non ci saranno particelle tanto grandi da danneggiare la sonda ma per essere cauti, utilizzeremo la nostra grande antenna come scudo al primo passaggio, per determinare se sarà sicuro esporre gli strumenti scientifici nei passaggi futuri», ha detto Earl Maize, responsabile del progetto al JPL.
    «Sicuramente ci sono alcune incognite ma questo è uno dei motivi per cui per cui questa audace esplorazione viene fatta al termine della missione».

    In questa ultima fase, la sonda, infatti, rileverà alcune preziose ed uniche informazioni che sarebbe stato troppo rischioso ottenere prima:

    • mapperà dettagliatamente i campi gravitazionali e magnetici di Saturno e forse, aiuterà a risolvere il fastidioso grattacapo sull’esatta velocità di rotazione del pianeta
    • migliorerà la stima di quanto materiale è contenuto negli anelli, dato che servirà a formulare l’ipotesi migliore sulla loro origine
    • capionerà direttamente le particelle che compongono gli anelli
    • fotograferà gli anelli e le nubi di Saturno ad una risoluzione mai ottenuta prima

    Il 15 settembre, orbita 293, segnerà la fine del viaggio: la sonda si immergerà nell’atmosfera di Saturno ed invierà preziosi dati sulla sua composizione fino a quando il segnale non verrà perso.

    Guarda il servizio su INAF TV:


    Dalle profondità dello Spazio… i Raggi Cosmici!
    Coelum Astronomia 211 di maggio 2017 è online, come sempre in formato digitale e gratuito…
    Semplicemente qui sotto, lascia la tua mail (o clicca sulla X) e leggi!

    L’indirizzo email verrà utilizzato solo per informare delle prossime uscite della rivista.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento