AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
15 Novembre 2019
Ci sono 224 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 3.779 volte
    Nessun commento
    Commenta
    L’astronauta dell’ESA Luca Parmitano, il comandante russo Fyodor Yurchikhin e l’astronauta della NASA Karen Nyber sono tornati oggi sulla Terra, con un atterraggio nella steppa del Kazakistan.

    Luca di nuovo a Terra. Credit: NASA


    .

    L’astronauta dell’ESA Luca Parmitano di nuovo a terra

    L’astronauta dell’ESA Luca Parmitano, il comandante russo Fyodor Yurchikhin e l’astronauta della NASA Karen Nyber sono tornati oggi sulla Terra, con un atterraggio nella steppa del Kazakistan.

    Il viaggio di ritorno, con cui sono atterrati alle 03:49 italiane, è avvenuto nella stessa navicella Soyuz TMA-07M che li ha portati sulla Stazione Spaziale Internazionale il 29 maggio scorso.

    Il viaggio della Soyuz, dopo la manovra di undocking, è stato molto breve: in poco più di tre ore gli astronauti hanno raggiunto la Terra. Durante il rientro, la navicella si è separata in tre parti, lasciando bruciare il modulo orbitale e quello di propulsione nell’atmosfera. Il modulo di discesa, con a bordo Luca e i suoi compagni, nella fase di frizione con l’atmosfera ha raggiunto temperature fino a 1600 °C.

    Luca e Karen andranno ora a Houston, Texas, dove saranno sottoposti a controlli medici prima di incontrare la stampa il 13 novembre alle 14:30.

    L'astronauta Luca Parmitano sulla Stazione Spaziale Internazionale vicino all'esperimento Biolab. Della missione Volare di Luca facevano parte più di 30 esperimenti, tre attracchi di navicelle spaziali e due passeggiate nello spazio. Credit: ESA/NASA

    Luca ha passato cinque mesi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale con la missione Volare, frutto di un accordo bilaterale tra l’Agenzia Spaziale Italiana ASI e la NASA. Ha condotto oltre 30 esperimenti scientifici, effettuato due “passeggiate spaziali” – o EVA (Extra Vehicular Activity) – e compiti operativi, oltre alle operazioni di mantenimento dell’avamposto orbitante.

    La tabella dei compiti scientifici di Luca comprendeva l’installazione e la realizzazione di esperimenti su emulsioni che aiuteranno l’industria a creare alimenti e farmaci con una durata più lunga.

    Durante l'installazione dell'esperimento FASES. Credit: ESA/NASA

    Ma non solo, l’astronauta italiano ha anche utilizzato la “fornace spaziale” per scaldare il metallo a 1400 gradi e studiarne così le microstrutture durante la fusione delle leghe metalliche. Una ricerca che può essere condotta soltanto in microgravità e che sta aprendo la strada verso la creazione di metalli ultra leggeri e stabili propri dell’era spaziale. Precedenti esperimenti hanno già, ad esempio, notevolmente migliorato i processi industriali per la creazione di complesse leghe di titanio, con il risultato di ottenere materiali, di alta qualità, più economici e di più rapida produzione industriale.

    In un altro esperimento, ha dovuto prelevare dei campioni della propria pelle per contribuire allo sviluppo di un modello sulle dinamiche dell’invecchiamento del tessuto cutaneo, oltre a registrare il proprio sonno per aiutare a capire come questo viene regolato dal corpo umano.

    Gli esperimenti effettuati a bordo della ISS porteranno beneficio non solo alle persone sulla Terra ma serviranno anche alla preparazione di quegli astronauti che parteciperanno alle future esplorazioni del nostro Sistema Solare.

    L'attracco dell'ATV-4, traghetto europeo per l'approviggionamento che ha trasportato 7 tonnellate tra materiali di consumo, propellente e esperimenti, di cui Parmitano ha seguito le operazioni di scarico e catalogazione del carico. Credit: ESA/NASA

    Oltre al carico di lavoro scientifico, Luca ha effettuato delle attività operative come il controllo dell’attracco del quarto Veicolo di Trasferimento Automatico (ATV, Automated Transfer Vehicle) dell’ESA, denominato Albert Einstein. Luca ha sovrainteso allo scarico degli oltre 1400 prodotti contenuti nella navicella spaziale automatica.

    Karen e Luca hanno lavorato in squadra per prendere ed agganciare la seconda navetta spaziale commerciale che è giunta sulla Stazione Spaziale Internazionale, Cygnus.

    La sua missione, ricca di avvenimenti, ha visto anche la partecipazione a due passeggiate spaziali per installare degli esperimenti all’esterno della Stazione e prepararla per un nuovo modulo russo che sarà lanciato il prossimo anno.

    Prima del rientro dalla passeggiata nello spazio con l'astronauta NASA Chris Cassidy, il 9 luglio 2013. La "passeggiata" è durata 6 ore 7 minuti. Credit: ESA/NASA

    La seconda uscita extra veicolare di Luca è stata interrotta a causa di un malfunzionamento della tuta spaziale, per un accumulo di acqua all’interno del casco, costringendo lui e il collega Chris Cassidy della NASA a rientrare con urgenza nella Stazione. Luca, pilota collaudatore dell’Aeronautica Militare, ha mantenuto la calma ed è rientrato nella camera stagna nonostante potesse comunicare solo ad intermittenza e senza riuscire a vedere fuori dal proprio casco.

    Luca è stato il sesto italiano ad andare nello spazio e il quinto a soggiornare sulla ISS. Dopo il rientro a Houston, l’astronauta inizierà un periodo di riabilitazione per riabituarsi alla gravità terrestre e sarà sottoposto a test medici.

    “Volare è stata una missione straordinaria, eccezionale sotto ogni punto di vista, che ci riempie di orgoglio e soddisfazione – ha dichiarato Enrico Saggese, Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana – Ancora una volta, oggi più che mai, il nostro Paese ha saputo dimostrare che sa funzionare e che è capace di realizzare importanti progetti di portata internazionale”.

    “Ora attendiamo i risultati delle sperimentazioni effettuate da Parmitano sulla Stazione – conclude il Presidente dell’ASI – e nel frattempo, l’appuntamento è tra un anno, quando sulla casa orbitante approderà la prima italiana: Samantha Cristoforetti“.

    Luca sarà impegnato nella sua prima videoconferenza stampa da Houston il prossimo 13 novembre. L’evento, destinato alla stampa, si terrà presso la sede dell’Agenzia Spaziale Italiana.

    Era questa la prima missione di Luca e la prima per uno dei nuovi astronauti ESA della Classe 2009. Il prossimo a volare sulla stazione sarà Alexander Gerst, il cui lancio è previsto per il 28 maggio 2014 dal Kazakistan.

    Una vasta selezione di fotografie dalla missione Volare, molte delle quali scattate da Luca stesso, è disponibile sulla pagina Flickr

    Le Alpi viste dalla Stazione Spaziale Internazionale. Durante i sei mesi della missione Volare, Luca Parmitano ha scattato questa e moltissime altre immagini dallo spazio, associandole ad un vero e proprio diario condiviso in tempo reale attraverso i vari social network - ed il blog dedicato alla missione - senza stancarsi mai di rispondere e interagire con i numerosissimi ammiratori che l'hanno seguito giorno per giorno. Credit: ESA/NASA

    .

    La crew viene estratta dalla Soyuz. Video ASI TV

    .

    In rete:

    • Il blog di Luca Parmitano, un vero e proprio diario quotidiano fatto di immagini, riflessioni e dialogo con tutti i suoi follower che hanno potuto interagire attraverso le relative pagine di Facebook e Twitter collegate a Volare.
    • Su ASI TV tutti i video delle varie fasi del rientro (qui sopra l’estrazione della crew dalla navicella russa).

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento