Home News di Astronomia StratoSpera 2: per vedere l’Italia dall’alto e fare ricerca scientifica

StratoSpera 2: per vedere l’Italia dall’alto e fare ricerca scientifica

Letto 8.677 volte
4
Il 14 maggio 2011 verrà lanciato dalla Toscana StratoSpera 2, il secondo pallone aerostatico amatoriale del progetto StratoSpera. Il pallone raggiungerà una quota di alcune decine di migliaia di metri nella stratosfera trasportando un carico utile di attrezzature per fotografare l’Italia dall’alto ed effettuare esperimenti scientifici. Se la missione avrà successo, il carico utile, dopo essersi separato dal pallone, scenderà appeso a un paracadute per essere recuperato. Il progetto StratoSpera è condotto da un gruppo di appassionati di spazio con la collaborazione di alcuni sponsor.

Una spettacolare foto ripresa dalla fotocamera di bordo della missione STSp-1 il 4 settembre 2010, in cui sono visibili l'isola d'Elba, Capraia e la Corsica

Il pallone StratoSpera 2 verrà lanciato da una zona nei pressi di Greve in Chianti (FI) nella tarda mattinata del 14 maggio. Il carico utile comprende una fotocamera digitale per riprese fotografiche e video dell’Italia centrale, sensori di temperatura, pressione e accelerazione, un contatore Geiger per misure di radiazione e campioni biologici per esperimenti di medicina e scienze della vita. Volerà a bordo di StratoSpera 2 anche un tricolore per celebrare il 150° anniversario dell’unità d’Italia. Sarà possibile seguire la missione con notizie e aggiornamenti sul sito di StratoSpera e le presenze Facebook e Twitter del progetto.

La costa Adriatica. Quota: 10.628,6 m

La stratosfera è un ambiente con alcune condizioni simili a quelle dello spazio esterno. Si trova al di sopra del 99% dei gas dell’atmosfera in un vuoto molto spinto, il cielo appare nero, è visibile la curvatura dell’orizzonte terrestre e si registrano radiazioni con caratteristiche e livelli simili a quelle dello spazio.

StratoSpera 1, il primo volo del progetto, si è svolto con successo il 4 settembre 2010 (vedi anche Coelum n. 143) con modalità analoghe, raggiungendo un’altezza massima di 27.625 metri nella stratosfera e riprendendo centinaia di foto spettacolari. Dopo un’ora e mezza di volo il carico è stato recuperato a circa 60 km dal luogo di lancio.

Il progetto StratoSpera è realizzato da un gruppo di appassionati italiani di astronautica e spazio dell’Associazione ISAA (Italian Space and Astronautics Association), con la collaborazione degli sponsor Develer s.r.l e Vamp Tech S.p.A. Sono particolarmente significativi i contributi di Francesco Bonomi e Francesco Sacchi (Develer).

Per informazioni e aggiornamenti:

Progetto StratoSpera
http://www.stratospera.com/
info@stratospera.com

Associazione ISAA
http://www.isaa.it/

Sponsor di StratoSpera
http://www.stratospera.com/sponsor

StratoSpera su Facebook
http://www.facebook.com/stratospera

@StratoSpera su Twitter
http://twitter.com/stratospera

Articolo precedenteLancio dello shuttle STS-134… siamo già al 16 maggio!
Articolo successivoAss. Astrofili Alta Valdera – 19 Maggio 2011

4 Commenti