AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a [email protected]
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
30 Novembre 2021
Ci sono 106 utenti collegati
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.524 volte
    Nessun commento
    Commenta
    È stata battezzata “galassia smeraldo” dagli astronomi australiani della Swinburne University of Technology per via della sua curiosa conformazione a rettangolo, una caratteristica molto rara.

    LEDA 074886 è una galassia nana dalla rara forma rettangolare. Cortesia L. Spitler – Swinburne University of Technology

    L’oggetto, una galassia nana dalla forma davvero singolare, si trova a 70 milioni di anni luce dalla Terra, e fa parte di un ammasso formato da altre 250 galassie collocato prospetticamente al centro della costellazione di Eridano. È stato “scovato” tra le immagini riprese a largo campo in una survey del Telescopio giapponese SUBARU e scoperta dall’astrofisico Lee Spitler.

    Un'immagine in falsi colori e molto contrastata permette di evidenziare la struttura a disco centrale. Cortesia L. Spitler – Swinburne University of Technology

    Si pensa che la stranissima morfologia derivi dal processo di collisione tra due galassie, forse satelliti della maggiore NGC 1407, la più luminosa dell’ammasso. Al momento sembra meno probabile un effetto deformante causato da forze di interazione mareale dovute alla gravità dell’Ammasso.

    All’interno è presente un disco di stelle che ruota alla velocità di 33 km/s, anche se non si sa se è a forma di spirale, perché si proietta lungo la linea di vista da Terra. Nonostante la sua forma sia più unica che rara, anche “noi” – o, meglio, i nostri più remoti discendenti – potremmo in futuro abitare in una galassia a rettangolo: è la forma che potrebbe risultare, secondo alcune simulazioni al computer, dal processo di collisione, già praticamente iniziato, tra la nostra stessa Via Lattea e la grande spirale di Andromeda.

    .

    L’articolo originale in formato pdf Leda 074886: A Remarkable Rectangular-Looking Galaxy” di A.W. Graham et al.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento