Home News di Astronomia MAVEN spia una luna marziana nell’ultravioletto

MAVEN spia una luna marziana nell’ultravioletto

Letto 3.973 volte
0

Tra fine novembre e inizio dicembre 2015, la sonda americana MAVEN in orbita attorno a Marte ha effettuato una serie di passaggi ravvicinati accanto a Phobos, calandosi fino a una distanza di soli 500 chilometri dalla luna del Pianeta Rosso. La sonda americana ha puntato quasi tutti i suoi sensori in direzione dell’enigmatica luna, nel tentativo di far luce sulla sua misteriosa origine. La fotocamera IUVS, in particolare, è riuscita a spiare la superficie di Phobos nell’ultravioletto, raccogliendo preziose informazioni sulla sua composizione.

Credits: CU/LASP and NASA

Le immagini mostrano la luce solare riflessa dalla superficie di Phobos nel medio ultravioletto, reso in arancione. Sullo sfondo, il colore blu rivela la luce ultravioletta emessa a 121.6 nanometri di lunghezza d’onda, corrispondente alle radiazioni elettromagnetiche disperse dall’idrogeno che popola gli strati esterni dell’atmosfera marziana.

Confrontando le analisi spettrali della superficie di Phobos con quelle di asteroidi e meteoriti, gli scienziati potranno confermare o meno la sospetta origine asteroidale della luna: non è ancora chiaro, infatti, se Phobos sia un asteroide catturato dalla gravità di Marte oppure se si sia formato già in orbita attorno al Pianeta Rosso. Secondo gli scienziati, i dati raccolti da MAVEN nell’ultravioletto saranno anche in grado di smascherare eventuali molecole organiche sulla superficie, la cui presenza è stata suggerita dai dati raccolti dalla sonda europea Mars Express.

Una grande novità!!!
La rivista di astronomia Coelum ora in formato digitale e gratuita per tutti!

Iscriviti subito senza vincoli e costi di alcun genere!

Sfogliala online su qualsiasi dispositivo e scarica il pdf per conservarla nella tua biblioteca digitale!

Articolo precedenteGruppo Astrofili Salese “G. Galilei”
Articolo successivoKelly e Kornienko sono tornati: conclusa la missione “One Year”