AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a [email protected]
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
30 Novembre 2021
Ci sono 166 utenti collegati

Il Cielo di Ottobre

Nessun commento
Commenta

1 Ottobre 2011

La sera del 1° ottobre, verso le 20:00, si aprirà una strettissima finestra temporale (un po’ prima di quell’ora il cielo sarebbe ancora troppo chiaro, e dopo gli oggetti sarebbero troppo bassi) attraverso la quale sarà possibile osservare una sottile falce lunare stazionare nel cuore dello Scorpione nei pressi della rossa Antares. Inutile dire, visto che il nostro satellite sarà alto a quell’ora poco più di una decina di gradi, che l’osservazione sarà piacevole solo in presenza di un cielo assolutamente limpido. Consigliato l’uso di un binocolo.

Il cielo di ottobre in prima serata sarà ancora popolato da molte costellazioni estive, la maggior parte delle quali, specie quelle più alte e orientali, rimarranno visibili ancora per parecchie ore prima di tramontare. All’inizio della notte astronomica, infatti, il “Triangolo estivo” sarà ancora alto nel cielo, anche se in procinto di cedere la regione zenitale al grande quadrato di Pegaso.
Gettando uno sguardo a nordest si potrà invece seguire l’ascesa della coppia Perseo-Cassiopea – che racchiude tra l’altro uno degli oggetti più amati dai neofiti, il celebre Doppio Ammasso – e il sorgere della brillantissima Capella con l’Auriga. Più in basso si profileranno già le luci del Toro e dell’Auriga, che assieme al “picciol miracolo sospeso” delle Pleiadi rappresentano le avanguardie dello scenario invernale che – con Orione e i Gemelli – comincerà a dominare l’emisfero orientale dopo le due del mattino. Sull’orizzonte nord, l’asterismo del Grande Carro si troverà al punto più basso del suo percorso giornaliero.
È da ricordare, per il corretto uso delle effemeridi, che alle ore 3:00 del giorno 30 ottobre finirà il periodo dell’ora estiva (TU+2) e bisognerà portare indietro le lancette degli orologi alle ore 2:00.
Si ritornerà così all’ora solare invernale (TU+1).

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.152 - 2011 alla pagina 50

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento