Home Il Blog di Coelum Astronomia Il Blog della Redazione #scienzasulbalcone Fuori gli smartphone e partecipa all’esperimento!

#scienzasulbalcone Fuori gli smartphone e partecipa all’esperimento!

Letto 8.261 volte
0

Hai mai partecipato a un esperimento scientifico direttamente da casa tua?

Primo Flash-mob italiano di citizen science sull’inquinamento luminoso. Appuntamento alle 21.00 sul balcone da lunedì 23 a mercoledì 25 marzo.
Per partecipare, sempre lunedì 23 alle 19.00, tutti connessi su Facebook e Youtube per la
diretta con i ricercatori

In questi giorni di emergenza e di isolamento, ci siamo dati più volte appuntamento alla finestra o sui balconi per realizzare insieme semplici azioni che ci facessero sentire meno soli. Durante una di queste, tanti hanno provato a illuminare il cielo notturno con il cellulare così da essere fotografati dal satellite. In realtà la luminosità della luce flash di uno smartphone non può essere rilevata da un satellite, ma questo insolito flash mob ha fatto nascere un’idea nella mente di due scienziati che si occupano di luce e di cielo: il ricercatore Alessandro Farini del Cnr-Ino e l’astrofisico e divulgatore scientifico Luca Perri. Perché non dare nuovamente appuntamento a tutti gli italiani alla finestra o sul balcone di casa per misurare con lo smartphone la luminosità del cielo sopra la propria abitazione?

Si tratta di un esperimento di scienza partecipata, a cui tutta la popolazione può dare il proprio contributo direttamente da casa, aiutando così i ricercatori a mappare la situazione dell’inquinamento luminoso lungo tutta la penisola italiana e le isole.
Negli ultimi decenni, nel nostro Paese si è registrato un costante incremento della luce presente nell’ambiente notturno dovuto all’eccessiva illuminazione artificiale notturna delle città: una vera e propria forma di inquinamento, “inquinamento luminoso”, che non solo compromette la nostra visione dell’universo, ma rappresenta anche un problema ambientale, economico, di sicurezza e di salute pubblica. Secondo lo studio condotto nel 2019 da CieloBuio – Coordinamento per la protezione del cielo notturno con l’Osservatorio Conti Pubblici dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, diretto da Carlo Cottarelli, il ricorso all’illuminazione pubblica in Italia è eccessivo. Ordinando le province europee per quantità di illuminazione pubblica sprecata pro capite, dalla più virtuosa alla meno virtuosa, in Italia solo tre province rientrano nella prima metà della classifica mentre ben 58 su 110 (il 53%) si trovano nell’ultimo 20%.

In linea con il paradigma della citizen science – che prevede il coinvolgimento di un pubblico o di scienziati non professionisti all’interno di veri e propri progetti di ricerca scientifica – il Cnr rivolge quindi alla popolazione un triplice invito:

1) dare un piccolo contributo concreto per rendere possibile una vasta raccolta di dati altrimenti irrealizzabile;

2) approfittare di questo momento in cui si è in casa per fare qualcosa di utile e significativo per la comunità scientifica e la collettività partecipando ad un progetto scientifico di alto impatto sociale;

3) contribuire a costruire quel ponte tra scienza e società, necessario per rendere i cittadini sempre più parte integrante del processo scientifico e del cambiamento sociale che non può prescindere dalle conoscenze sviluppate in ambito scientifico.

Gli appuntamenti sul balcone saranno tre: lunedì 23, martedì 24 e mercoledì 25 marzo prossimi. Per partecipare è sufficiente seguire le istruzioni cliccando i due pulsanti in giallo che trovi nella pagina dedicata all’iniziativa, scaricare e installare l’App suggerita, sporgerti alla finestra o uscire sul balcone alle 21, puntare verso l’alto lo schermo del tuo cellulare e avviare l’applicazione che misura la luce ambientale.

Prendi nota delle misure effettuate nelle tre sere e registrale sull’apposito form che troverai sul sito di #scienzasulbalcone a partire da lunedì 23.

Se hai tempo, il modo migliore per partecipare è effettuare la misurazione tutte e tre le sere, prendere nota di ciascuna misura e segnarle sull’apposito form tutte insieme entro giovedì 26 marzo. In questo modo ci aiuterai a raccogliere dati ancora più accurati. Oltre alle misurazioni ti chiederemo anche di indicarci il tuo CAP e il comune in cui ti trovi. I dati inseriti rimarranno anonimi. La mappa alla tua sinistra si popolerà con le misurazioni che verranno fatte in tutta Italia.

Quindi, segnati queste date:

  • lunedì 23 marzo, ore 21.00

  • martedì 24 marzo, ore 21.00

  • mercoledì 25 marzo, ore 21.00

E vai al sito dell’iniziativa per scaricare l’app corretta per il tuo smartphone!

#scienzasulbalcone

Oppure segui la diretta lunedì 23 alle h 19,00 sul sul canale youtube dedicato.
Qui l’evento facebook.

Un progetto a cura di: Unità Comunicazione e Relazioni con il Pubblico del Cnr. In collaborazione con: Associazione CieloBuio. #scienzasulbalcone sostiene @sciencewebfestival


Gruppo di lavoro:
Silvia Mattoni, Luca Balletti e Cecilia Tria, Unità Comunicazione e Relazioni con il Pubblico
Alessandro Farini e Elisabetta Baldanzi, Istituto nazionale di ottica del Cnr
Luca Perri, astrofisico e divulgatore scientifico
Grafica a cura di Daniela Gaggero (Unità Comunicazione e Relazioni con il Pubblico)
Seguili sui social: Comunicazione.cnr su Facebook e YouTubeCieloBuio su FacebookLuca Perri su Instagram


Stelle, stelle doppie, stelle in evoluzione e… comete!

Quando l’astronomia amatoriale incontra quella professionale.

Coelum Astronomia di Marzo 2020
è online, come sempre in formato digitale, pdf e gratuito.
Lascia la tua mail o clicca sulla X e leggi!

L'”abbonamento” è gratuito e serve solo per informare delle prossime uscite della rivista.

Articolo precedenteAstrochannel: seminari e coffee-talk
Articolo successivoMarSEC Marana Space Explorer Center