Home Articoli pubblicati su Coelum L’italiano su Marte e l’italiana sulla Luna – n. 256 Coelum Astronomia

L’italiano su Marte e l’italiana sulla Luna – n. 256 Coelum Astronomia

Letto 174 volte
0
Negli ultimi anni stanno proliferando gli esperimenti volti a misurare e testare la capacità del genere umano di resistere ed adattarsi alla vita nello spazio: Simulating Human Space Missions.

Negli scorsi mesi ben due italiani sono stati coinvolti in progetti di simulazione specifici.

Pietro di Tillio e Flavia Palma ci raccontano la loro esperienza vissuta partecipando rispettivamente al progetto HERA della NASA e EMMPOL 10 mission di EuroMoonMars.

“Un giorno sarà vero…” – l’esperienza di Pietro di Tillio

Il 25 marzo 2022 abbiamo intervistato in esclusiva Pietro di Tillio, geologo, pescarese alla nascita e dal 2013 residente negli Stati Uniti ed appena rientrato da una missione
di simulazione NASA all’interno del programma HERA: simulazione di un volo e atterraggio su Marte.

Avevamo già parlato di lui, vi ricordate? Proprio QUI!

Il programma HERA, acronimo di Human Exploration Research Analog, si svolge al Johnson Space Center (JPL) della NASA a Houston, in Texas, alternando in un anno diverse squadre di volontari selezionati in base alla formazione e competenze.

Il turno in cui è stato coinvolto Pietro di Tillio ha avuto inizio il 28 gennaio, terminando a metà marzo. Sei settimane durante le quali i volontari hanno vissuto all’interno di un modulo abitativo senza nessun contatto con il mondo esterno, salvo rare eccezioni e comunicazioni necessarie con il centro di comando.

E la giovanissima italiana “sulla Luna” – il racconto di Flavia Palma

Flavia Palma, 25 anni, di origine marchigiana, è stata selezionata per partecipare alla
missione EMMPOL 10.

“Ciao a tutti lettori di Coelum! Sono Flavia Palma, ho 25 anni e vengo dalle Marche. Sono un ingegnere biomedico con laurea triennale presso l’università di Pisa. Attualmente sono iscritta al secondo anno di laurea magistrale in Bioingegneria per le Neuroscienze presso l’università di Padova.

Dopo una candidatura quasi casuale, la mattina del 7 aprile 2022 ho preso un aereo per la Polonia: da lì è iniziata la “mia” missione di simulazione di vita spaziale!”

Le testimonianze esclusive sul n. 256 Giugno-Luglio
Sfoglia e goditi il piacere della lettura dell’articolo completo
Ricevi Coelum direttamente a casa tua – ordina la tua copia (clicca QUI)

Le prime spedizioni sono previste per lunedì 23 maggio

⭐ Acquista la tua copia ⭐
E ricorda: se vuoi risparmiare puoi scegliere l’abbonamento
Vedi QUI l’offerta e per un anno Coelum sarà tuo!

Articolo precedenteMineral Moon, come fotografare i colori della Luna – n. 256 Coelum Astronomia
Articolo successivoLa materia oscura: il punto sull’indagine – n. 256 Coelum Astronomia