Home Appuntamenti del Mese Cielo del Mese La Luna incontra Giove

La Luna incontra Giove

Letto 2.809 volte
0

La mattina del 23 aprile, alle 5:30 circa, guardando verso ovest-sudovest sarà possibile ammirare una bella congiunzione – non strettissima, circa 4° 30’ di separazione – tra la Luna (fase dell’84%) e il brillante pianeta Giove (mag. –2,4).

Il nostro satellite naturale si troverà a ovest rispetto a Giove e i due astri saranno alti circa 25° sull’orizzonte. Il quadro è  completato dalla presenza a poca distanza della rossa stella Antares (mag. +1,05), stella alfa della costellazione dello Scorpione, la cui figura è facilmente riconoscibile più verso ovest.

I due astri potremo in realtà osservarli fin dal loro sorgere (poco dopo la mezzanotte della sera prima) attraversare il cielo da sudest verso  sudovest, quando potremo riprenderli immersi nel paesaggio.

E con temperature e meteo che devono ancora “sistemarsi”, nubi e foschie sono sempre in agguato. Può essere allora un buon momento per provare a scorgere, e riprendere, un effetto ottico suggestivo che può dare qualcosa in più alle vostre immagini: la Corona Lunare.

Scopriamolo non solo con questa bellissima immagine (qui a destra) di Giorgia Hofer, ma anche con i suoi consigli e i racconti delle sue avventure astrofotografiche.

La Corona Lunare

Le effemeridi di Luna e pianeti le trovi nel Cielo di Aprile 2019

E ancora su Coelum astronomia di aprile:

Le falci Lunari di Aprile

➜ Leggi le indicazioni di Giuseppe Petricca sui principali passaggi della ISS

➜ La LUNA di aprile.
Approfondimento: Guida all’osservazione della regione polare settentrionale (Parte D).

➜ La Chioma di Berenice (I parte): storia e mito


I Segreti della Via Lattea
Il nuovo volto e il destino della nostra galassia svelati da Gaia!

Coelum Astronomia di Aprile 2019
Ora online, come sempre in formato digitale, pdf e gratuito.

L’indirizzo email serve solo per informare delle prossime uscite della rivista.

Articolo precedenteTgo passa al setaccio l’atmosfera marziana
Articolo successivoFinalmente individuata nello spazio la molecola “mancante”.