AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
17 Aprile 2021
Ci sono 249 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 5.714 volte
    2 Commenti
    Commenta
    Confermata l’ipotesi dell’impatto, gli astronomi sono riusciti a sviluppare una simulazione dell’impatto, ricostruendo nei dettagli l’evoluzione dell’evento.
    596 Scheila

    (596) Scheila come si mostrava il dicembre scorso.

    Vi ricordate di Scheila, l’asteroide da 110 Km di diametro, che lo scorso dicembre produsse dapprima un outburst di luminosità e poi una “coda” simile ad una cometa?

    Pochi mesi dopo una nuvola di detriti venne identificata attorno all’asteroide, confermando l’ipotesi dell’impatto subito con un altro oggetto minore, subito proposta per giustificare il fenomeno. Gli astronomi sono ora riusciti a sviluppare una simulazione dell’impatto, ricostruendo nei dettagli l’evoluzione dell’evento e l’aumento della luminosità seguito poi da una diminuzione protrattasi per settimane.

    L’impatto sarebbe avvenuto tra il 24 ed il 30 novembre 2010, alcuni giorni dopo quanto inizialmente creduto, mentre il diametro dell’impattore si sarebbe aggirato tra i 36 ed i 180 metri. La collisione, avvenuta alla velocità di 5 Km/sec, tipica degli asteroidi della Fascia Principale, avrebbe sollevato una grande nube di detriti espulsi nello spazio alla velocità di 70 m/sec, estesasi successivamente attorno all’asteroide come la chioma di una cometa. Il moto orbitale l’avrebbe poi modellata, creando l’effetto coda e l’apparenza in tutto simile ad una cometa.

    Da sinistra a destra: immagini di (596) Scheila corrispondenti al 13, 14, 17 e 29 dicembre 2010. Nella riga superiore si vedono le immagini osservate mentre in quella inferiore i modelli relativi alle ipotesi fatte. Le immagini del 13 e del 14 provengono dallo IAC-80 telescope dell'Osservatorio di Izaña, Tenerife,quella del 17 dal 1.23-m telescope del Calar Alto Observatory mentre quella del 29 è stata gentilmente fornita da Joseph Brimacombe ottenuta con il 0.1-m telescope del New Mexico Skies Observatory.

    Commenta

    2 Commenti a “Scheila fu colpita da un oggetto da 100 metri”

    1. Cribbio scrive:

      Non mi permetto di offendervi ma onestamente ci sarebbe di farlo .
      Capisco fare stare tantissime cose dentro una pagina, ma porca di quella merda, scrivere con un carattere un pochino piu’ grosso non e’ che andate a spalare della merda.
      Onestamente anche le persone che hanno 10/10 di vista, iniziano ad avere problemi a causa di gente che come voi scrive piccolo, ma forse di piccolo avete il cervello ! Perche’ non pensate a chi deve leggere.
      FANKULO !

    2. J. F. MacIntosh scrive:

      Gentilissimo Signor… Cribbio,

      La ringraziamo per le Sue cortesi, gentili e puntuali osservazioni in merito al nostro articolo.

      Il Suo contributo per noi è sempre prezioso e ci auguriamo di avere sempre tanti lettori esemplari come Lei nel nostro sito.

      Ci avvarremo dei Suoi forbiti suggerimenti per migliorare il nostro lavoro. Le assicuriamo che quanto verificatosi non si ripeterà mai più.

      Voglia gradire le nostre più sincere scuse e i nostri sentiti ringraziamenti.

      Sir J. F. MacIntosh

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento