AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
8 Dicembre 2019
Ci sono 225 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 3.160 volte
    Nessun commento
    Commenta
    I satelliti di COSMO-SkyMed monitorano costantemente le aree colpite: l’Unità Osservazione della Terra dell’Agenzia Spaziale Italiana fornisce le mappe satellitari per il controllo delle aree del nord-est colpite dalle inondazioni.
    Alluvione in Veneto - ASI - Cosmo-SkyMed

    Mappa della zona alluvionata - ASI - Cosmo-SkyMed

    L’Unità Osservazione della Terra dell’Agenzia Spaziale Italiana e il team di Opera, Civil Protection from Flooding – OPerational Eo-based RAinfall – runoff forecasting – progetto pilota destinato alla gestione del rischio alluvione – dall’inizio dell’emergenza atmosferica stanno fornendo le mappe satellitari per il controllo delle aree del nord-est colpite dalle inondazioni. I radar di COSMO-SkyMed sono stati puntati sulle zone interessate dall’evento e l’acquisizione delle prime immagini è avvenuta il 4 novembre. La rilevazione è poi continuata nei giorni successivi fornendo mappe dettagliate sull’intero territorio coinvolto, con elaborazioni relative anche alla misura del livello delle acque e ai danni alle strutture civili, economiche e agricole. Tutte le mappe sono ora a disposizione per l’attuazione degli interventi e la gestione dell’emergenza.

    “Anche in questa grave calamità che ha colpito il Veneto – sottolinea il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Enrico Saggese – COSMO-SkyMed ha mostrato le sue capacità di supporto determinante per interventi tempestivi, accurati e puntuali nelle operazioni di protezione civile. Il nostro sistema di Osservazione della Terra è diventato a livello nazionale e internazionale un vero strumento operativo per tutte le istituzioni specie negli scenari più critici. Il recente completamento con il lancio del quarto satellite, avvenuto lo scorso 5 novembre dalla base di Vandembergh in California, permetterà di avere servizi sempre più efficienti e rapidi”.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento