Home News di Astronomia Quando si dice Serendipity: cerca asteroidi e scopre una supernova!

Quando si dice Serendipity: cerca asteroidi e scopre una supernova!

Letto 4.064 volte
3
Sulla sinistra un'immagine d'archivio della galassia IC 1702 a destra, la foto della SN scoperta la notte scorsa da Paolo.

Paolo Campaner, bravissimo astrofilo, con il suo magnifico riflettore di 40 centimetri, la notte tra il 6 e 7 luglio era a caccia di asteroidi, nell’ambito della Maratona degli Asteroidi​ e certo non si aspettava di scoprire, nella galassia IC 1702 nella costellazione dei Pesci, la sua ottava supernova!

Questo straordinario risultato premia la costanza e la bravura di un astrofilo impegnato nella difficile ricerca di oggetti interplanetari (in questi giorni con la Maratona…) e di stelle in esplosione in altre galassie!

Paolo Campaner al "lavoro" con il suo riflettore da 40 cm.

BRAVO PAOLO, CONGRATULAZIONI!

Tutte le supernovae (e non solo) di Paolo Campaner

Maggiori dettagli nella prossima rubrica dedicata alle Supernovae a cura di Fabio Briganti e Riccardo Mancini

L’Asteroid Day Italia quest’anno si arricchisce di un evento a portata nazionale, in onore di Giuseppe Piazzi il primo al mondo a scoprire un asteroide (Cerere): la Maratona degli Asteroidi 2016. A partire dalla notte del 30 giugno e fino all’11 luglio, tutti a caccia di asteroidi!

Si tratta di un’entusiasmante sfida tra appassionati del cielo che si metteranno a caccia di asteroidi. Coloro che metteranno a segno il maggior numero di osservazioni di singoli asteroidi, saranno proclamati vincitori della maratona con un evento straordinario a ottobre!

L’articolo completo » www.coelum.com/?p=59683

Il sito ufficiale » www.asteroidsmarathon.net

La pagina Facebook » www.facebook.com/asteroidsmarathon3

Articolo precedenteHubble osserva l’asteroide trasformista
Articolo successivoAstronomiamo – Primo Star Party

3 Commenti

  1. O.K. serendipty vuol dire casualità, ma se consideriamo che anch’io quella notte sono stato a caccia di asteroidi (tra l’altro identificandone uno “Flora” tra Ofiuco e Scorpione), senza imbattermi in nessuna supernova (..sigh…) mentre il bravissimo Paolo se non sbaglio ne ha già scoperte una decina, parlerei di competenza, bravura, dotazione strumentale o di altro ma non di casualità!

  2. Grazie dei vostri graditi commenti, condivido pienamente alcuni elementi, che poi sono i puntidi forza di tutti gli astrofili.
    Certo la buona strumentazione aiuta, ma contano per me, passione, applicazione per accrescere competenze, dedizione e sopratutto non mollare!
    Ci sono traguardi per tutti!