Home Appuntamenti del Mese Cielo del Mese Ancora Marte e Giove ma con Falce di Luna

Ancora Marte e Giove ma con Falce di Luna

Letto 3.956 volte
0

Abbiamo appena lasciato l’evoluzione del cammino della coppia di pianeti Marte e Giove che già solo un paio di giorni dopo tornano a essere protagonisti grazie a una falce di Luna, che questa volta si unirà ai due pianeti in fase del 28%.

Osserviamo la Luna
in Luce Cinerea

In gennaio, le giornate migliori per osservare e fotografare la Luna in luce cinerea saranno il 13 gennaio, appena prima dell’alba e il 20 del  mese, quando si avrà la migliore visibilità subito dopo il tramonto. Per approfondire:

Le falci lunari di gennaio di Francesco Badalotti su Coelum Astronomia 218

Fotografare la Luce Cinerea della Luna di Giorgia Hofer su Coelum Astronomia 207

Guardando verso est–sudest alle 4:00 del mattino potremo osservare i due pianeti avvicinati da una falce di Luna calante piuttosto pronunciata, che si porrà a poco meno di 4° di distanza da Giove. Appena più sotto, un po’ meno di 2°, troveremo Marte.

A completare il quadro, potremo notare la presenza delle deboli stelle della Bilancia, Zubenelgenubi (Alfa Librae, mag. +2,75) e Zubeneschamali (Beta Librae, mag. +2,60), poste esattamente ai lati del nostro satellite naturale. Sarà anche questa una bella occasione per scattare delle magnifiche fotografie a largo campo.

Le effemeridi giornaliere di Luna e pianeti le trovi nel Cielo di Gennaio


Leggi anche

➜ Organizzati in anticipo con Il Cielo di gennaio su Coelum Astronomia 218

➜ Scopri le costellazioni del cielo di gennaio con la UAI

➜ Storia, leggende, stelle e oggetti deepsky della costellazione dell’Eridano (II parte)


Tutti consigli per l’osservazione del Cielo di gennaio su Coelum Astronomia 218

Leggilo subito qui sotto online, è gratuito!

Semplicemente lascia la tua mail (o clicca sulla X) e leggi!

L’indirizzo email verrà utilizzato solo per informare delle prossime uscite della rivista.

Articolo precedenteNiente alieni sulla Stella di Tabby
Articolo successivoAddio a John Young, l’astronauta dei record