AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
14 Luglio 2020
Ci sono 212 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 5.044 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Estratta oggi, 16 ottobre, dalle acque del lago Chebarkul, nei pressi di Cheliabinsk, una roccia – apparentemente di provenienza spaziale – di notevoli dimensioni. Se si tratta d’un frammento di meteorite, è uno fra i più grandi mai recuperati.

    Un fotogramma del servizio video della BBC mostra il meteorite, appena recuperato, in procinto d’essere avvolto in una coperta protettiva.

    Ve lo ricordate, il meteorite del 15 febbraio scorso? Di certo non lo hanno dimenticato i mille e più cittadini di Chelyabinsk, nella Russia centrale, rimasti feriti dai frammenti di finestre e infissi esplosi a causa dell’onda d’urto provocata dal suo ingresso in atmosfera. Da quel giorno drammatico sono trascorsi esattamente otto mesi, ed ecco che dalle acque del lago Chebarkul – già teatro del ritrovamento di numerosi frammenti – emerge un’enorme roccia che ha tutta l’aria di essere appartenuta a quel meteorite.

    Il condizionale è d’obbligo, un po’ perché le agenzie stanno battendo la notizia in queste ore e ancora non c’è stato il tempo per un’analisi approfondita, un po’ perché non sarebbe la prima volta che frammenti di roccia apparentemente spaziale recuperati dal lago Chebarkul rivelano in realtà tutt’altra origine. Quel che è certo è che la roccia, rinvenuta a oltre 13 metri di profondità, è davvero imponente. Le riprese video del recupero, scrive la BBC, mostrano un oggetto grande un metro e mezzo pesante almeno 570 kg. Frammento che si sarebbe spezzato in tre durante l’operazione di ripescaggio.

    Se la natura spaziale della roccia verrà confermata, oltre a essere il residuo di maggiori dimensioni dell’impatto del 15 febbraio, potrebbe rientrare nell’elenco dei più massicci frammenti singoli mai trovati.

    Guarda il servizio video di INAF-TV del giorno dell’impatto:

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento