AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Settembre 2020
Ci sono 200 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.919 volte
    Nessun commento
    Commenta
    I radioastronomi hanno scoperto l’impronta chimica dell’atomo di Carbonio, l’elemento di base per la costruzione delle molecole organiche e biologiche, anche nelle stelle della più remota radiogalassia conosciuta

    Immagine ottica di TN J0924-2201, la più lontana radiogalassia conosciuta (z = 5.19), ottenuta con il Telescopio Spaziale Hubble. Credit: NASA/STScI/NAOJ.

    I radioastronomi hanno scoperto l’impronta chimica dell’atomo di Carbonio, l’elemento di base per la costruzione delle molecole organiche e biologiche, anche nelle stelle della più remota radiogalassia conosciuta: TN J0924-2201, un oggetto con red-shift z = 5,19, che risalirebbe al primo miliardo di anni dopo il Big Bang.

    I ricercatori dell’Università di Tokyo hanno identificato le righe di assorbimento del carbonio, nello spettro emesso dalla debole galassia, usando lo spettrografo FOCAS del Telescopio SUBARU, determinandone la presenza di quantità significative.

    Si tratta di una scoperta importante, perché retrodata in maniera decisa l’epoca della sintesi di elementi pesanti scaturiti dalla nucleosintesi stellare, aprendo nuove ipotesi sulla tempistica necessaria per l’instaurarsi dei processi chimici basilari per la sintesi delle prime molecole biorganiche.

    La scelta della più lontana radiogalassia conosciuta non è stata casuale: una precedente survey condotta dallo stesso gruppo di ricerca aveva infatti rilevato che l’indice di “metallicità” presente nelle galassie (gli astronomi intendono come “metallo” qualsiasi elemento più pesante di idrogeno ed elio) ha conosciuto il più rapido arricchimento proprio nelle galassie più remore nello spazio-tempo.

    Se l’Universo uscito dal Big Bang conteneva, secondo il modello standard, soltanto idrogeno, elio e tracce di litio, la presenza di carbonio ed altri elementi più pesanti fin dal primo miliardo di anni suggerisce che i processi di nucleosintesi stellare si sono verificati molto più rapidamente di quanto previsto, e apre la possibilità che molecole organiche si siano poi potute evolvere in tempi sufficientemente lunghi per poter raggiungere un alto grado di complessità.

    L’articolo del team che ha effettuato la soperta può essere letto su ArXiv: Chemical properties in the most distant radio galaxy – Matsuoka, et al all’indirizzo http://arxiv.org/abs/1107.5116

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento