AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
18 Novembre 2018
Ci sono 254 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 2.099 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Si è svolto con successo e senza inconvenienti il primo dei 36 flyby orbitali operativi che Juno dovrà compiere durante la sua missione primaria.

    Le regioni del polo nord di Giove in vista di Juno, mentre si avvicina per il primo (di 36 programmati) flyby orbitale del 27 agosto. Questa immagine è stata presa proprio il 27, ma quando la sonda si trovava ancora a 703 mila chilometri dal pianeta. Nelle ore successive si avvicinerà fino a 4200 chilometri! Credits: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS

    La sonda americana Juno ha doppiato con successo il primo perigiovio operativo della sua missione. Alle 15:44 ora italiana del 27 agsoto, la sonda ha sorvolato Giove, calandosi fino a 4200 chilometri dalla sommità delle nubi e sfrecciando a 208 mila chilometri orari.

    Mai la sonda si era avvicinata così tanto al pianeta — la manovra di inserimento orbitale del 5 luglio, infatti, era stata eseguita 460 chilometri più in alto — e mai si riporterà a distanze così ravvicinate nell’arco della sua missione primaria.

    «I primi dati di telemetria indicano che tutto ha funzionato come previsto», spiega Rick Nybakken della NASA. Quello di ieri è stato il primo perigiovio di Juno a strumenti accesi; gli scienziati hanno così potuto ottenere un’anteprima del genere di misurazioni che Juno sarà in grado di realizzare una volta inaugurata la sua campagna scientifica vera e propria. La fase operativa di Juno inizierà con la manovra di riduzione del periodo orbitale, prevista per il 19 ottobre.

    Da qui alla fine della missione, programmata per febbraio 2018, Juno eseguirà altri 35 sorvoli di Giove.

    «Stiamo ottenendo dei primi dati molto interessanti proprio in questo momento», spiega Scott Bolton, a capo della missione. «Ci vorranno un po’ di giorni per scaricare tutti i dati raccolti durante il sorvolo e molti altri per comprendere ciò che Juno sta tentando di dirci. Siamo in un’orbita su cui nessuno è mai stato, e queste immagini ci daranno una prospettiva del tutto nuova su questo mondo gigante».

    In attesa che arrivino le prime immagini dal sorvolo, la NASA ha pubblicato una foto del polo gioviano immortalato dal punto di vista inedito di Juno a 703 mila chilometri di quota.

    Risorse online

    Leggi anche Missione Juno. Nuovo incontro ravvicinato con Giove in vista su Coelum 203 di settembre.

    Coelum 202 luglio agosto

    A questo link potete trovare tutte le immagini raw che verranno rilasciate durante la missione

    Il sito della missione

    Volete scoprire di più su Juno e Giove?
    Non perdetevi il nostro ampio speciale (con interviste agli scienziati della missione) su Coelum Astronomia.

    Potete sfogliare la rivista, completamente gratuita e in formato digitale.


    Coelum 203 di settembre 2016 è online!
    Semplicemente… clicca e leggi, è gratis!


    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento