AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Marzo 2021
Ci sono 147 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 2.906 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Dopo aver conosciuto un’ingiustificata popolarità sulla rete web come “cometa dell’apocalisse”, indicata – chissà perché – da alcuni siti come oggetto “enorme” in rotta di collisione con il nostro pianeta ed in grado, in accordo con le “profezie” sulla fine del mondo per il 2012 (Maya e quantaltro) di impattare la Terra provocando disastri, la [...]

    Dopo aver conosciuto un’ingiustificata popolarità sulla rete web come “cometa dell’apocalisse”, indicata – chissà perché – da alcuni siti come oggetto “enorme” in rotta di collisione con il nostro pianeta ed in grado, in accordo con le “profezie” sulla fine del mondo per il 2012 (Maya e quantaltro) di impattare la Terra provocando disastri, la Cometa Elenin sembra essersi disgregata completamente durante il suo recente passaggio al perielio.

    L’immagine diffusa da Leonid Elenin, scopritore della cometa. Credit: L. Elenin / ISON-NM Observatory

    Il suo scopritore Leonid Elenin ha diffuso un’immagine (sulla destra), ottenuta con lo strumento da 18” dell’International Scientific Optical Network del New Mexico, che mostra una debolissima nube di piccoli frammenti, probabilmente i residui dell’ablazione indotta dal Sole. La nube “splende” di 18ma magnitudine, molto inferiore al valore di 12 previsto se la cometa fosse sopravvissuta al passaggio al perielio. Anche se fosse accaduto, la Elenin non avrebbe mai potuto avvicinarsi alla Terra a più di 35 milioni di Km, cioè oltre 100 volte la distanza media Terra-Luna, una distanza di totale sicurezza per un corpo di massa, oltretutto, assolutamente trascurabile…resta quindi incomprensibile come speculatori sulla buonafede di molti internauti abbiano potuto scegliere questo oggetto per le loro farneticazioni, interessante sì per gli osservatori di comete – peraltro non proprio facilissimo – ma del tutto innocuo.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento