AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Giugno 2020
Ci sono 181 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Il Cielo di Maggio 2019

Letto 3.106 volte
Nessun commento
Commenta
Verso le 22:00 di metà maggio il cielo si presenterà con le ultime propaggini delle costellazioni invernali, tra cui sarà facile riconoscere ancora le lucenti stelle che segnano le teste dei Gemelli, il Cane Minore e l’Auriga, ormai declinanti e prossime al tramonto.

La cartina mostra l'aspetto del cielo alle ore (TMEC): 1 Mag > 00:00; 15 Mag > 23:00; 31 Mag > 22:00. Crediti Coelum Astronomia CC-BY

EFFEMERIDI
(apr.-ott. 2019 – TU+2)

Luna

Sole e Pianeti

Anche il Leone ha ormai superato il suo periodo di massimo splendore annuale e ora lo vediamo dominare la parte ovest del cielo. Transitano in meridiano invece le costellazioni tipicamente primaverili, come la Vergine, con l’azzurra Spica e il Boote con la brillante Arturo, mentre più in basso, vicino all’orizzonte sud, faranno capolino le stelle più settentrionali del Centauro (tra tutte, la luminosa Menkent, di mag. +2).

Più a est, possiamo riconoscere l’inconfondibile profilo dello Scorpione e il lampeggiare rossastro di Antares che già annuncia l’arrivo delle costellazione estive (Ercole, Corona Borealis, Ofiuco e Aquila) che cominceranno ad alzarsi nella parte orientale del cielo. Verso nordest sarà osservabile anche la Lira, con la fulgida Vega, seguita dal grande Cigno celeste.

Continua l’esplorazione del cielo con:

➜ Il Cielo di maggio con la UAI che questo mese ci porta tra le galassie della Vergine, lì dove dimora M 87, la galassia del momento!

➜ E sempre M 87 è la protagonista delle nostre osservazioni al telescopio: Osserviamo la gigante M 87

IL SOLE

Il Sole descriverà in cielo un arco diurno sempre più ampio, e la durata della notte astronomica si ridurrà quindi ulteriormente, passando da 6,3 a meno di 5 ore; il che significa che verso la metà del mese il Sole si manterrà di almeno 18° sotto l’orizzonte dalle 22:30 alle 3:45, unico periodo in cui sarà possibile dedicarsi alla fotografia e all’osservazione del cielo profondo.

➜ Continua a leggere sul Cielo di Maggio

COSA OFFRE IL CIELO

Marte, sempre più basso sull’orizzonte, continua ad anticipare il suo tramonto, ma Giorgia Hofer ci viene in soccorso con utili consigli per la ripresa nel paesaggio:

➜ Astrofotografia: È la volta di Marte, il Pianeta Rosso

Venere avrà un destino simile, ma al mattino, prima dell’alba. Anche se il suo lento declinare, e la sua brillantezza, lo manterranno osservabile per tutto il mese. Mercurio potremo osservarlo con difficoltà solo nei primi gionrni del mese (all’alba) o negli ultimi (al tramonto). Giove e Saturno invece continuano ad avvicinarsi all’opposizione, migliorando le loro condizioni di osservabilità e potremo, in maggio, vederli sorgere sempre prima, dalla seconda metà della notte di inizio mese, alla tarda serata della fine del mese.

In opposizione questo mese troviamo invece il grande pianeta nano (1) Cerere. Con una magnitudine di +7 sarà sempre necessario uno strumento per avvistarlo, ma si tratta del suo periodo migliore. Approfondisci le condizioni dei singoli pianeti, dei pianeti nani e dei principali asteroidi nella sezione dedicate del Cielo del mese di Maggio.

Segnaliamo invece tra i tanti incontri tra la Luna e gli astri di questo mese, che trovate sempre tra le pagine della rivista o in questa sezione del sito nel corso del mese.

Per quanto riguarda le falci lunari, le troviamo concentrate prima e dopo la Luna Nuova del 5 maggio. Quindi subito, nella prima settimana del mese. Per maggior informzioni su cosa osservare del nostro satellite naturale, leggi anche:

La Luna di Maggio 2019

Trovate come sempre tutte le informazioni sulle rubriche:

E ancora su Coelum astronomia 233

➜ Leggi le indicazioni di Giuseppe Petricca sui principali passaggi della ISS

➜ Comete. Una sfida ancora più ardua di quella dello scorso mese: La Atlas impossibile?

➜ Supernovae: Finalemente! Una nuova scoperta per i cacciatori di supernovae italiani.

La Chioma di Berenice (II parte): l’ammasso stellare della Chioma e le sue stelle.

e il Calendario di tutti gli eventi di aprile 2019, giorno per giorno!

Hai compiuto un’osservazione? Condividi le tue impressioni, mandaci i tuoi report osservativi o un breve commento sui fenomeni osservati: puoi scriverci a segreteria@coelum.com.
E se hai scattato qualche fotografia agli eventi segnalati, carica le tue foto in
PhotoCoelum!

Tutti consigli per l’osservazione del Cielo di Maggio su Coelum Astronomia 233

Leggilo subito qui sotto online, è gratuito!

Semplicemente lascia la tua mail (o clicca sulla X) e leggi!

L’indirizzo email verrà utilizzato solo per informare delle prossime uscite della rivista.

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento