AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a [email protected]
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
30 Novembre 2021
Ci sono 185 utenti collegati

Van Gogh e la galassia M51

Nessun commento
Commenta

Van GoghVincent Van Gogh è sempre stato un attento osservatore della volta celeste. In molte opere eseguite negli ultimi anni
della sua vita, il cielo stellato, rappresentato con cura al di là dello stile particolare della sua pittura, occupa un posto preminente.
Nella tarda estate del 1888 realizzò ad Arles “Esterno di caffè di notte”, nel quale si riconosce la costellazione dell’Acquario. Sempre ad Arles dipinse, nel settembre dello stesso anno, “Notte stellata sul Rodano”, dove si individua facilmente la costellazione dell’Orsa Maggiore. Il quadro in cui è più evidente l’interesse dell’artista olandese per la volta celeste e che più è stato studiato dal punto di vista astronomico è tuttavia la Notte stellata, che Van Gogh realizzò da internato nell’ospedale psichiatrico di Saint-Rémy-de-Provence.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.152 - 2011 alla pagina 82

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento