Supernovae

0
Supernovae

SN m82 blockCome i nostri lettori sanno (vedi Coelum n. 177), lo scorso dicembre è partita GAIA, una missione molto ambiziosa con un vasto programma scientifico, tra cui è inclusa la survey di moltissime galassie che, in un prossimo futuro, porterà sicuramente alla scoperta di un numero elevato di supernovae. A questo proposito i responsabili del progetto GAIA hanno già da tempo chiesto la collaborazione dei principali programmi di ricerca amatoriali internazionali – tra cui anche il nostro ISSP – per seguire l’evolversi dei transienti scoperti. Chiuso il 2013 con un bilancio più che positivo per la ricerca amatoriale italiana di supernovae (ben 23 le scoperte ufficiali: 19 dell’ISSP, 2 indipendenti e un probabile LBV targato ISSP) che pone l’Italia ai vertici mondiali, superata come numero di scoperte soltanto dal BOSS dell’emisfero australe (32 i loro successi), siamo pronti a guardare al 2014 con estremo ottimismo. L’anno intanto è iniziato con la scoperta di due interessanti supernovae da parte del Lick Observatory Supernova Search (LOSS) ottenute con il telescopio di 76 cm di Mount Hamilton in California. La prima (in assoluto!), la SN 2014A, è del 1° gennaio, ospite della bella galassia a spirale NGC 5054 nella Vergine, distante circa 60 milioni di anni luce (in cui era già esplosa la SN 2004ab, di tipo Ia e mag. +14). Al momento della scoperta la supernova, situata a pochi secondi d’arco dal luminoso nucleo centrale della galassia (offset 12″E e 9″N), mostrava una luminosità pari alla mag. +16,4. Lo spettro ha evidenziato che si tratta di una SN di tipo IIP, scoperta circa 50 giorni dopo il massimo di luminosità. Massimo avvenuto perciò intorno alla metà di novembre quando la SN potrebbe aver raggiunto la mag. +15. Dato che in quei giorni la galassia si trovava a un’altezza sull’orizzonte di circa 10° alla fine della notte astronomica, qualcuno dei lettori potrebbe averla immortalata con la sn già presente. Provate a controllare tra le vostre riprese dal 15 novembre 2013 in poi…