AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a [email protected]
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
27 Novembre 2021
Ci sono 110 utenti collegati

Quattro globulari nell’arco dell’arciere

Nessun commento
Commenta

Nel Cielo

La cartina del mese ritrae la costellazione del Sagittario mentre bassissima sull’orizzonte, com’è alle nostre latitudini, transita al meridiano. Questo è il momento in cui i due sistemi di riferimento usati più comunemente nel cielo (equatoriale e altazimutale) coincidono. La regione verso cui guardare questo mese è quella che circonda la stella Kaus Borealis, incoronata da quattro globulari (M22, M28, NGC 6638 e NGC 6642) immersi tra le nubi stellari della Via Lattea.

Se per molti l’estate è sinonimo di sabbia, mare, bibite e gelati, per l’osservatore visuale (che il suo personale calendario ce l’ha nel cielo), l’estate è invece il tempo dell’Ofiuco e del Sagittario. E di più ancora: è il tempo degli ammassi globulari, come l’inverno s’identifica totalmente nella Grande Nebulosa di Orione e la primavera negli ammassi di galassie. Così, proprio mentre l’estate declina, ci piace l’idea di poterci tuffare un’ultima volta nel grande fiume di stelle che attraversa il Sagittario. E non in un punto qualsiasi, ma proprio là dove quattro globulari formano un quadrilatero nei pressi della brillante stella Kaus Borealis.

Messier 22 – Ed è proprio da Kaus Borealis (lambda Sagittarii, mag. +2,8) che converrà partire per andare alla ricerca del primo spigolo del “quadrilatero”, situato meno di 2,5° a nordest dalla stella. Stiamo parlando di M22, il terzo più luminoso globulare del cielo (dopo Omega Centauri e 47 Tucanae) e il quarto per dimensioni angolari (dopo Omega Centauri, 47 Tucanae e M4); quindi più grande e brillante anche del più famoso M13, sebbene un po’ penalizzato dalla limitata altezza sull’orizzonte che può raggiungere alle nostre latitudini.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.195 - 2015 alla pagina 50

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento