AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a [email protected]
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
30 Novembre 2021
Ci sono 129 utenti collegati

Notiziario Astronomico

Nessun commento
Commenta
La galassia M101

La galassia M101 ripresa in un campo di circa 30’. La posizione della supernova, la settima più luminosa dal 1885, di probabile tipo Ia, è indicata dalla freccia. Anche in ottobre, quando sarà presumibilmente scesa verso la mag. +12,5, sarà comunque facilmente osservabile anche con strumenti amatoriali.

La grande supernova esplosa in M101

Fino al 24 agosto scorso era difficile notarla anche con un potente telescopio: a circa 21 milioni di anni luce di distanza, era solo una delle tante stelle della famosa galassia a spirale M101, situata in Ursa Major… La sua magnitudine originaria doveva infatti essere inferiore alla +20,6… un milione di volte più debole di una qualsiasi stella osservabile a occhio nudo. Ma qualcosa stava per accadere…

Rigagnoli marziani di acqua salata

Una sequenza di immagini ottenute dalla sonda Mars Reconnaissance Orbiter ha
identificato su Marte qualcosa di simile ai vecchi “gullies” di una decina di anni fa, ma questa volta i cambiamenti di forma a seconda delle stagioni fanno pensare a un vero e proprio scorrimento di acqua liquida.

Più veloce della luce?

In fondo in fondo, ci speravamo un po’ tutti. Semplici curiosi di scienza,
trasognati amanti della fantascienza e dei “balzi iperspaziali”, ma probabilmente
anche parecchi fisici di professione. Tutti a pensare che forse, un giorno,
qualcuno avrebbe dimostrato che quelle “colonne d’ercole” della fisica contemporanea, quella insuperabile velocità della luce, si sarebbe potuta valicare.
Una speranza, un sogno, una follia allo stato puro. Ognuno può giudicarla secondo
il proprio punto di vista e le proprie conoscenze. Ma di certo apprendere
che sarebbero stati registrati neutrini viaggiare a velocità superiore a quella
della luce è una notizia davvero sensazionale.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.152 - 2011 alla pagina 6

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento