Livio Gratton (1910-1991) – Viaggio di un astronomo attraverso il ventesimo secolo – Parte 8

0
Livio Gratton (1910-1991) – Viaggio di un astronomo attraverso il ventesimo secolo – Parte 8
Una vecchia ripresa fotografica della cupola principale dell'Osservatorio di Merate, nato nei primi anni venti come sede osservativa distaccata dello storico Osservatorio milanese di Brera.
Osservatorio di Brera
Una vecchia ripresa fotografica della cupola principale dell'Osservatorio di Merate, nato nei primi anni venti come sede osservativa distaccata dello storico Osservatorio milanese di Brera.

Terminato il periodo dellaborsa di studio in Olanda e Svezia, nel 1933 Livio Gratton ritorna in Italia, dove dopo un ulteriore breve periodo di precariato ottiene un posto fisso presso l’Osservatorio di Brera.
PARTE 8. GLI ANNI DI MERATE: uno sguardo impietoso sull’astronomia italiana del tempo.

A Milano, Bianchi1 aveva ottenuto che mi fosse assegnata una borsa di studio per un anno. Chiesi ed ottenni l’iscrizione al partito fascista, sentendomi profondamente umiliato per dovermi arrendere a questa imposizione, ma non avevo scelta. Qualche mese dopo venne bandito il concorso per assistente negli Osservatori astronomici, come Bianchi mi aveva assicurato sarebbe avvenuto. Riuscii primo e destinato all’Osservatorio di Brera, con decorrenza dall’ottobre 1934. Già in maggio, però, avevo chiesto a Bianchi di potermi trasferire alla stazione di Merate, dove pensavo di impiegare il telescopio di un metro per le mie ricerche.