Livio Gratton (1910-1991) Viaggio di un astronomo attraverso il ventesimo secolo – Parte 15

0
Livio Gratton (1910-1991) Viaggio di un astronomo attraverso il ventesimo secolo – Parte 15
Ramón Enrique Gaviola (1900- 1989), direttore de l'Observatorio Astronómico de Córdoba, fotografato sul riflettore da 1,5 metri della Stazione Astrofisica di Bosque Alegre.

Ramón Enrique Gaviola
Ramón Enrique Gaviola (1900- 1989), direttore de l'Observatorio Astronómico de Córdoba, fotografato sul riflettore da 1,5 metri della Stazione Astrofisica di Bosque Alegre.

Nel 1957 Livio Gratton si trasferì da La Plata a Córdoba. Fu un periodo di grande lavoro e nuove responsabilità. Per la prima volta, Gratton si trovò a dirigere un Osservatorio e dovette praticamente fondare da zero l’Istituto di Matematica Astronomia e Fisica. Tutto questo in una situazione di gravi difficoltà.

PARTE 15. I primi anni a Córdoba

Il cambiamento di regime portò varie conseguenze all’Osservatorio di La Plata. Wallbrecher fu allontanato e al suo posto fu nominato Direttore uno degli astronomi che avevano lasciato La Plata per San Juan prima del mio arrivo, Bernard Dawson, alquanto più anziano di me, che era nato negli Stati Uniti ed era una eccellente persona. Con lui avevo stretto amicizia già da vari anni. Meno buoni furono invece i rapporti con alcuni impiegati amministrativi, anch’essi allontanati dall’Osservatorio dal regime peronista, i quali erano tornati pieni di sentimenti di vendetta. Io ero rispettato, per la mia qualità di straniero e l’amicizia con Dawson, ma vari altri membri del personale furono costretti ad andarsene e l’atmosfera divenne pesante. Sconzo e Baldini si trasferirono negli Stati Uniti e Alexander Wilkens era tornato in Germania. Alla direzione dell’Osservatorio di Córdoba tornò Gaviola, mentre Sahade, che da qualche anno aveva sostituito Platzek, preferì ritornare per qualche tempo negli Stati Uniti.