AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a [email protected]
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
2 Dicembre 2021
Ci sono 94 utenti collegati
Clicca qui per leggere questo numero on-line

La Stazione Spaziale Internazionale

Nessun commento
Commenta

Un progetto internazionale lungo oltre 20 anni

Era un venerdì, il 20 novembre 1998, quando veniva lanciato in orbita il primo componente della Stazione Spaziale Internazionale (o ISS, International Space Station), il più grande programma di cooperazione internazionale mai intrapreso in campo scientifico e tecnologico. Il modulo russo Zarja – alba – partiva 22 anni fa dal cosmodromo di Bajkonur con lo scopo di fare da apripista e fornire energia, propulsione e spazio cargo durante le prime fasi di assemblaggio della Stazione, operazioni durate fino al 2011. Una volta raggiunta l’orbita bassa terrestre, a poco meno di 400 chilometri di quota, veniva raggiunta dalla missione STS-88 per l’aggancio del modulo statunitense Unity (il 4 dicembre successivo, solo due settimane dopo), la prima delle 50 missioni spaziali di assemblaggio necessarie per realizzare il più grande e longevo avamposto umano nello spazio.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.252 - 2021 alla pagina 72: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento