Il Sole visto da Andromeda

0

Nonostante il comprensibile riserbo che avvolge le ricerche “superluminali”, la propagazione di onde superveloci all’interno di un segnale elettromagnetico è ormai saldamente documentata.
Si insiste adesso a bassa voce (ma senza unanimità di consensi) che non è la velocità di un’intera oscillazione elettromagnetica ad aver infranto “la barriera di Einstein”, che non si tratta di un segnale modulato o di un'”onda portante” vera e propria, ma di impulsi in rapida sequenza che si muovono all’interno del segnale stesso…