Il PRIMO della classe

0
Il PRIMO della classe

Moebius
Chi inventò l’aritmetica modulare, che governa il succedersi delle ore segnate dalle lancette degli orologi? Il matematico tedesco Carl Friedrich Gauss. Chi enunciò per primo il teorema dei numeri primi, che descrive la loro distribuzione fra gli interi? Ancora Gauss. E chi ideò il metodo dei minimi quadrati, e lo utilizzò per ritrovare l’asteroide Cerere poco dopo il suo primo avvistamento da parte di Giuseppe Piazzi? Sempre Gauss. E che dire della distribuzione normale di probabilità, quella che rappresentiamo tramite la famosa curva a campana, detta appunto “gaussiana”? E della più popolare tra le formule usate per calcolare la data della Pasqua? E potrei proseguire questo elenco riempiendo pagine e pagine. A parere di molti, Gauss, vissuto tra il 1777 e il 1855, è stato il più grande matematico di tutti i tempi, oltre che insigne meccanico celeste (senza il suo genio è probabile che il primo asteroide mai scoperto dall’Uomo non si sarebbe più trovato per chissà quanti anni). Di sicuro era un lavoratore infaticabile e perfezionista. Secondo un celebre aneddoto (sperabilmente apocrifo), mentre era intento in un difficile calcolo, qualcuno lo interruppe per annunciargli che sua moglie stava morendo, e lui rispose: «Ditele di aspettare, sono impegnato»…