Aspettando la ISON. Salutiamo la Pan-STARRS e la Lemmon

0
Aspettando la ISON. Salutiamo la Pan-STARRS e la Lemmon
A sinistra, il percorso apparente della Pan-STARRS in giugno. La cometa, dopo aver passato la Polare il mese scorso, si dirigerà verso i “guardiani del Polo” (le stelle Kochab e Pherkad), dopo aver risalito tutta la figura del Piccolo Carro. A destra, la Lemmon sarà più bassa della Pan-STARRS in declinazione e finirà la sua corsa in Cassiopea dopo essere passata nelle vicinanze della Galassia di Andromeda.
Comete
A sinistra, il percorso apparente della Pan-STARRS in giugno. La cometa, dopo aver passato la Polare il mese scorso, si dirigerà verso i “guardiani del Polo” (le stelle Kochab e Pherkad), dopo aver risalito tutta la figura del Piccolo Carro. A destra, la Lemmon sarà più bassa della Pan-STARRS in declinazione e finirà la sua corsa in Cassiopea dopo essere passata nelle vicinanze della Galassia di Andromeda.

Gli appassionati di comete stanno attualmente vivendo una specie di interregno, apertosi tra la venuta della Pan-STARRS, ormai andata, e l’attesa per la ISON, ennesima cometa annunciata come “epocale” in arrivo nel prossimo autunno. Tra queste due, il vuoto è stato parzialmente riempito dall’apparizione alle nostre latitudini della Lemmon, di magnitudine binoculare (+4,8 al perielio di fine marzo, quando ancora da noi non era osservabile) ma straordinariamente fotogenica, almeno fino a tutto maggio. In giugno la sua luminosità continuerà a scendere, passando dalla +8,5 alla +9,4 mentre si muoverà tra Andromeda e Cassiopea. Agli inizi del mese sorgerà verso la mezzanotte e sarà quindi osservabile solo nella seconda parte della notte, ma con il passare dei giorni e l’aumento in declinazione anticiperà sempre più il sorgere fino a diventare circumpolare verso il 20.