AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Agosto 2018
Ci sono 276 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Articoli marcati con tag ‘Telescopio Spaziale Hubble’

Image of ESO 325-G004
Letto 5.880 volte - Nessun commento
Alcuni astronomi hanno usato lo strumento MUSE installato sul VLT (Very Large Telescope) dell’ESO in Cile e il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA per effettuare il test più preciso finora della teoria della relatività generale di Einstein al di fuori della Via Lattea. La galassia vicina ESO 325-G004 funge da potente lente gravitazionale, distorcendo la luce che proviene da una galassia distante, nascosta dietro di essa, per creare un anello di Einstein intorno al proprio centro. Confrontando la massa di ESO 325-G004 con la curvatura dello spazio circostante, gli astronomi hanno trovato che la gravità su queste scale di dimensione astronomica si comporta come descritto dalla relatività generale. Questo permette di escludere alcune teorie alternative della gravità.
STSCI-H-p1820c-z-1000x770
Letto 5.509 volte - Nessun commento
Il telescopio spaziale Hubble ha fotografato la prima immagine di una compagna sopravvissuta di una supernova, diventando anche la prova più convincente che le supernovae siano originate da sistemi stellari doppi. La compagna della stella progenitrice della supernova 2001ig non era infatti innocente spettatrice dell’esplosione, ma bensì stava sottraendo tutto l’idrogeno dal guscio più esterno della stella condannata.
quante-galassie
Letto 6.331 volte - Nessun commento
In astronomia una delle questioni più spesso affrontate dagli astronomi professionisti è quella del conto e della misura. E questo non è dovuto solo al fatto che noi esseri umani, nella nostra vita quotidiana, siamo in qualche modo affascinati dal desiderio di conoscenza e attratti dal sapere quanti oggetti ci circondino e quali siano le [...]
Hubble's 28th birthday picture: The Lagoon Nebula
Letto 5.623 volte - Nessun commento
Una nuvola colorata di gas interstellare incandescente che è solo una piccola parte della Nebulosa Laguna, un vasto vivaio stellare, una regione piena di attività, con venti feroci soffiati da stelle calde, vorticosi fumaioli di gas e formazione stellare intensa, il tutto immerso in un labirinto nebuloso di gas e polvere. Hubble ha utilizzato sia gli strumenti ottici che quelli a infrarossi per studiare la nebulosa, che è stata osservata per celebrare il suo 28esimo anniversario.
MUSE view of the surroundings of a hidden neutron star in the Sm
Letto 6.294 volte - Nessun commento
Stelle, stelle e ancora stelle! Questo mese va così… e stavolta si tratta di un elusivo resto stellare sepolto tra filamenti di gas, ciò che rimane di una esplosione di supernova di 2000 anni fa, nel panorama della Piccola Nube di Magellano. Lo strumento MUSE ha potuto stabilire dove si nasconde questo oggetto elusivo, mentre le osservazioni preesistenti dell’Osservatorio Chandra per raggi X ne hanno confermato l’identità di stella di neutroni isolata.
Screenshot 2018-04-05 13.29.39
Letto 6.298 volte - Nessun commento
Grazie all’effetto lente d’ingrandimento fornito da un ammasso di galassie antistante, il telescopio spaziale Hubble è riuscito a fotografare la più distante singola stella mai scoperta. Nel team internazionale anche tre italiani
STSCI-H-p1803b-z-1000x750
Letto 6.468 volte - Nessun commento
Utilizzando il famoso telescopio spaziale della Nasa, i ricercatori dello dello Space Telescope Science Institute hanno trovato la popolazione più numerosa di nane brune – oggetti che sono più massicci dei pianeti ma che non brillano come stelle – finora conosciuta. Gli esperti hanno anche trovato tre pianeti giganti, tra cui un sistema binario dove due pianeti orbitano insieme in assenza di una stella madre
comet3
Letto 5.887 volte - Nessun commento
Non solo due asteroidi che orbitano uno attorno all’altro ma con l’attività di una cometa. Questo si è rivelato essere l’asteroide/cometa 188P, uno degli oggetti ibridi dalla doppia natura rintracciati nella cintura degli asteroidi. E questa sua natura non è solo un unicum al momento in questo tipo di asteroidi, ma ci permette di avere importanti informazioni per la comprensione della formazione e dell’evoluzione di tutto il nostro sistema solare.
occultation-mu69-large_cardfeed
Letto 5.024 volte - Nessun commento
L’oggetto celeste, che verrà raggiunto da New Horizons nel 2019, protagonista di altre due osservazioni operate dallo spazio e da terra
Hubble Spots a Moon Around the Dwarf Planet 2007 OR10
Letto 5.825 volte - Nessun commento
Analizzando due immagini di archivio del telescopio spaziale Hubble, risalenti al 2009 e al 2010, un team di astronomi guidato da Csaba Kiss, del Konkoly Observatory di Budapest, ha individuato un satellite da qualche centinaio di km attorno al terzo pianeta nano più grande. Lo studio su ApJ
rsmbh_label
Letto 6.181 volte - Nessun commento
Individuato un buco nero che, insolitamente, non si trova al centro della galassia che lo ospita, ma è spostato. Come se indietreggiasse. L’ipotesi è che a dargli una spinta siano state le onde gravitazionali emesse dalla fusione di due galassie in collisione.
STScI-H-v1721a-1323x1323
Letto 12.905 volte - Un Commento
Come novelli chef con la più classica delle ricette, i team di cinque diversi Osservatori, in cinque diverse bande di lunghezze d’onda, hanno scomposto, analizzato e poi ricomposto in un’immagine ricca di dettagli, la più famosa nebulosa del nostro cielo: la Nebulosa Granchio (Crab Nebula), resto della storica supernova esplosa nel 1054 d.C.
Hubble’s view on lensed supernova
Letto 4.199 volte - Nessun commento
PER RICALCOLARE LA COSTANTE DI HUBBLE Lontanissima. Disponibile “in quattro versioni” grazie a una lente gravitazionale. Di tipo Ia. È la supernova che astronomi di mezzo mondo aspettavano di trovare. A ricostruire a Media Inaf la sua scoperta è uno degli autori dello studio uscito oggi su Science, Francesco Taddia, dell’Università di Stoccolma
New Hubble image of Kleinmann-Low Nebula
Letto 7.500 volte - Nessun commento
Alla ricerca di pianeti solitari e stelle mancate gli astronomi, grazie alle immagini del Telescopio Spaziale Hubble, hanno creato questo nuovo spettacolare mosaico della Nebulosa di Orione. Durante la loro ricerca nella famosa regione di formazione stellare, hanno trovato quello che potrebbe essere il pezzo mancante di un puzzle cosmico: il terzo membro a lungo perduto di un sistema stellare ormai spezzato.
mdm
Letto 3.775 volte - Nessun commento
Tracciate mappe 3D ad altissima risoluzione della dark matter in tre ammassi di galassie. I risultati, pubblicati su Mnras, sono compatibili con uno scenario scenario di materia oscura fredda, spiega a Media Inaf uno degli autori dello studio, Massimo Meneghetti, dell’Inaf di Bologna
Studied lensed quasars of H0LiCOW collaboration
Letto 2.513 volte - Nessun commento
La luminosità dei quasar varia col tempo. Confrontandone le variazioni nelle diverse immagini prodotte attraverso le lenti gravitazionali, dove entrano in gioco ritardi dovuti alle differenti lunghezze dei percorsi adottati dalla luce, gli astronomi sono riusciti a derivare in modo semplice e diretto il valore della costante di Hubble
stsci-h-p1701a-m2000x1933
Letto 3.782 volte - 2 Commenti
Mentre le Voyager proseguono il loro incredibile viaggio, iniziato quarant’anni fa, oltre il Sistema Solare, il telescopio spaziale Hubble mappa la strada che le sonde si troveranno davanti. I dati delle due missioni stanno fornendo indizi su come il Sole viaggia attraverso lo spazio interstellare.
Created with GIMP on a Mac
Letto 2.432 volte - Nessun commento
Un team internazionale di ricercatori, fra i quali Laura Pentericci dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, ha scoperto che questa galassia gigante è letteralmente immersa in una enorme nube di gas freddo. Lo studio è stato pubblicato oggi su Science
Waving goodbye
Letto 1.858 volte - Nessun commento
La nebulosa planetaria della costellazione del Regolo osservata da Hubble. Dietro al “look” leggiadro si cela l’ultimo respiro di una stella
hs-2016-28-a-xlarge_web
Letto 6.263 volte - Nessun commento
LENTI GRAVITAZIONALI PER OSSERVARE LONTANO. Un programma d’osservazioni alle frontiere del visibile. È quello che si prepara ad affrontare Hubble Space Telescope con il programma Frontier Fields: tre anni e 840 orbite per produrre la più profonda vista sull’Universo mai ottenuta
[archive]