AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Aprile 2021
Ci sono 236 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Articoli marcati con tag ‘raggi cosmici’

cover-astroparticelle-occhiali
Letto 665 volte - Nessun commento
“Scienza significa fare una misura”. Sulla base di questo assioma attribuibile allo scienziato Lord Kelvin, per indagare la natura dei raggi cosmici cerchiamo di organizzare periodicamente qualche interessante esperimento, gli ultimi dei quali hanno previsto il lancio di due palloni stratosferici che hanno raggiunto circa 30.000 metri di quota. Il primo esperimento si è svolto [...]
nustar_contours_eta_car
Letto 6.232 volte - Nessun commento
Dimostrata l’emissione di raggi cosmici dal sistema di Eta Carinae.
evento
Letto 6.954 volte - Nessun commento
DAL SITO OSSERVATIVO SUL MONTE ETNA Nella notte tra il 25 e il 26 maggio scorsi la camera di rivelazione del telescopio Astri, prototipo sviluppato per il futuro osservatorio per raggi gamma Cta (Cherenkov Telescope Array), ha catturato i suoi primi lampi di luce Cherenkov. Giovanni Pareschi (Inaf): «Questa è una tappa fondamentale raggiunta dal team Astri e un grande passo in avanti nella fase di pre-produzione di Astri e Cta»
pr_2013-11-hi-res
Letto 6.269 volte - Un Commento
La sonda NASA lanciata nel 1977 dovrebbe essere già nello spazio interplanetario. Invece i suoi strumenti rivelano la presenza di una zona finora non prevista, chiamata “heliosheath depletion region”, in cui si sente ancora il campo magnetico solare ma sono quasi scomparsi i flussi di particelle cariche e ioni a bassa energia provenienti dal Sole. Tre studi su Science.
[archive]