Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
25 Febbraio 2018
Ci sono 313 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Articoli marcati con tag ‘Pianeti Extrasolari’

pianeti-extrasolari-calanca-small
Letto 730 volte - Nessun commento
Oltre dieci anni fa, su questa Rivista, ho pubblicato alcuni articoli come introduzione pratica alle tecniche di acquisizione delle curve di luce di pianeti extrasolari in transito. In quegli anni si cavillava sulla reale possibilità di rilevare, con una strumentazione amatoriale, delle differenze di luminosità delle stelle dell’1%. Tale è l’ordine di grandezza della caduta [...]
17-098
Letto 7.109 volte - Nessun commento
Scoperti da un algoritmo di machine learning setacciando i dati della sonda spaziale Kepler della Nasa. Si trovano nei sistemi planetari delle stelle Kepler-90 e Kepler-80. Nicola Napolitano (Inaf): «L’intelligenza artificiale, e in particolare il deep learning, sta acquistando un ruolo primario in diversi settori dell’astronomia»
apjaa88aaf7_hr
Letto 6.349 volte - Nessun commento
Il cosiddetto ”defocusing”, distribuendo la luce su una superficie maggiore, permetterebbe di raggiungere precisioni molto elevate, ed è utile nel caso dei telescopi spaziali. Ne parliamo con Roberto Ragazzoni dell’Inaf di Padova, membro del board di Cheops
plato-autori
Letto 5.032 volte - Nessun commento
In un freddo pomeriggio parigino di fine gennaio del 2014, tre astronomi italiani che devono la loro reputazione professionale agli studi sul magnetismo stellare, gli ammassi globulari e all’ottica adattiva, attraversavano la Senna, preoccupati e con parecchie perplessità. Avevano speso diversi degli anni precedenti a contribuire alla progettazione di una delle missioni spaziali che era [...]
strumentazione
Letto 4.860 volte - Nessun commento
Il limite che separa il mondo dell’astrofilo da quello dell’astronomo sembra insuperabile, ma negli ultimi anni possedere un CCD è diventato sempre più comune nel mondo dell’astronomia amatoriale e la possibilità di elaborare i dati raccolti con i computer ha permesso a chiunque di effettuare ricerche e ottenere risultati prima inimmaginabili. Così, ora, l’obiettivo di [...]
pulsar-psr-b1257-12
Letto 4.924 volte - Nessun commento
51 Pegasi b, la cui scoperta fu annunciata alla fine del 1995, fu il primo pianeta extrasolare trovato in orbita intorno a una stella di sequenza principale come il Sole. Il primo di una lunga serie. È anche uno dei pochi esopianeti ad avere avuto un nome vero e proprio, anzi due. Ecco la storia [...]
PhaseCurveDemo-YNews
Letto 6.373 volte - Nessun commento
Da Yale uno nuovo studio ci racconta come, con una innovativa tecnica di analisi su grandi dati, ha permesso ai ricercatori di individuare 60 nuovi gioviani caldi tra più di 140 mila stelle, ricercando le minuscole variazioni di luce dovute alla luce riflessa dal pianeta.
esopianeti_5
Letto 5.839 volte - Nessun commento
La missione vede in prima linea l’Italia grazie all’Agenzia Spaziale Italiana e al contributo scientifico e tecnologico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica
kepler_1
Letto 5.563 volte - Nessun commento
La misisone dedicata all’identificazione dei potenziali pianeti al di fuori del Sistema solare fa un ulteriore balzo in avanti, spostando l’asticella oltre quota 4000. Di essi, 10 nuovi candidati potrebbero essere simili per dimensioni alla Terra e trovarsi nella cosiddetta fascia di abitabilità. Il commento della ricercatrice Inaf Isabella Pagano
4FTY
Letto 6.053 volte - Nessun commento
NEL RAGGIO DI 20 ANNI LUCE DA NOI Epsilon Eridani, a 10,8 anni luce, Lalande 21185, a 8,3 anni luce e Gliese 581 a poco più di 20 emettono un segnale compatibile con una spcifica emissione radio della molecola dell’acqua. A individuare queste tracce, i ricercatori Cristiano Cosmovici (Inaf Iaps Roma) e Sergei Pogrebenko (Jive, Olanda)
image_4865e-KELT-11b
Letto 35.843 volte - Nessun commento
L’esopianeta scoperto dal telescopio Kelt nel 2016 è un pallone gonfiato, ma non lo stiamo insultando. Si tratta di uno dei pianeti più grandi e meno densi finora conosciuti
Artist’s impression of the newly-discovered rocky exoplanet, L
Letto 4.190 volte - 2 Commenti
Situata ad appena 40 anni luce, nel sistema stellare Lhs 1140, è stata identificata grazie al metodo del transito. Secondo gli astronomi si tratta di un oggetto molto interessante, al punto tale che è stato posto in cima alla lista dei casi che hanno la precedenza. L’obiettivo? Verificare la presenza di eventuali atmosfere planetarie. I risultati su Nature
standard_full
Letto 3.820 volte - Nessun commento
«Un primo passo verso lo studio delle atmosfere di pianeti di tipo terrestre», dice Luigi Mancini dell’Università di Roma Tor Vergata, tra gli scopritori di uno strato gassoso attorno a Gliese 1132b, che assurge al titolo di pianeta extrasolare con la gravità più simile alla Terra dotato di atmosfera.
Artist’s impression of the TRAPPIST-1 planetary system
Letto 10.390 volte - 11 Commenti
Un sistema stellare di almeno sette pianeti delle dimensioni della Terra a soli 40 anni luce di distanza! E’ quanto ci svela uno studio uscito oggi su Nature: utilizzando telescopi terrestri e spaziali, tra cui il Very Large Telescope dell’ESO i sette pianeti sono stati visti in transito di fronte alla loro stella, Trappist-1, e tre di loro si trovano nella zona di abitabilità. E’ il più numeroso sistema di pianeti simili alla Terra e con il maggior numero di pianeti con possibilità di avere acqua liquida, e quindi sostenere la vita, fin’ora trovato.
BVXrHQM-Imgur
Letto 3.748 volte - Un Commento
Altri mondi, pianeti extrasolari in orbita attorno alla loro stella. L’era delle immagini dirette di esopianeti è appena iniziata, ma già possiamo immaginare quanto affascinanti saranno le immagini, e la scienza, in arrivo!
The predicted trajectory of Alpha Centauri A and B
Letto 3.215 volte - 2 Commenti
Dopo la scoperta dell’esopianeta Proxima b, attorno a Proxima Centauri, un team di scienziati ha predetto un futuro allineamento tra il sistema Alpha Centauri e una stella sullo sfondo. L’effetto lente gravitazionale permetterà di “zoomare” ricercando nuovi inquilini cosmici, una rara opportunità per la caccia ai pianeti extrasolari.
Letto 2.443 volte - Nessun commento
L’individuazione del pianeta extrasolare Proxima b, in orbita attorno alla stella a noi più vicina, proxima Centauri, costituisce sicuramente una delle scoperte più entusiasmanti e importanti di quest’ultimo periodo. A incrementare il valore della scoperta c’è il fatto che il pianeta extrasolare è di tipo roccioso e posto nella zona di abitabilità della stella. Si [...]
13419119_10201851442323435_2597125204625380504_n
Letto 2.499 volte - Nessun commento
La scoperta del pianeta extrasolare Proxima b, in orbita alla stella a noi più vicina, Proxima Centauri, ha acceso le fantasie e le speranze degli astronomi e non solo. Abbiamo contattato Giovanni Bignami, astrofisico, divulgatore scientifico e ex presidente di ASI e INAF e ci siamo divertiti a parlare con lui a tutto campo di [...]
e-elt
Letto 2.514 volte - Nessun commento
La notizia della scoperta di un pianeta orbitante attorno alla stella Proxima Centauri, Proxima b, ci ha riempiti di entusiasmo, soprattutto per la possibilità che possa avere caratteristiche tali da renderlo compatibile con la presenza di acqua in forma liquida sulla sua superficie e quindi possa ospitare forme di vita. Questa notizia ha come aumentato la [...]
[archive]