AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
14 Novembre 2019
Ci sono 251 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Articoli marcati con tag ‘lenti gravitazionali’

lenti-340x168
Letto 5.077 volte - Nessun commento
TROVATO UN VALORE ALTO USANDO 2 LENTI GRAVITAZIONALI Un gruppo internazionale guidato dall’Istituto Max Planck per l’astrofisica di Garching ha utilizzato due potenti sistemi di lenti gravitazionali per riuscire a stimare, grazie a 740 supernove, un valore della costante di Hubble pari a 82 +/- 8 chilometri al secondo per megaparsec, superiore a quella dedotta dal fondo cosmico a microonde. Tutti i dettagli su Science
hs-2016-28-a-xlarge_web
Letto 6.906 volte - Nessun commento
LENTI GRAVITAZIONALI PER OSSERVARE LONTANO. Un programma d’osservazioni alle frontiere del visibile. È quello che si prepara ad affrontare Hubble Space Telescope con il programma Frontier Fields: tre anni e 840 orbite per produrre la più profonda vista sull’Universo mai ottenuta
quadlens
Letto 4.881 volte - Nessun commento
Gli astronomi hanno scoperto una “lente” gravitazionale in grado di produrre una rara immagine quadrupla dello stesso oggetto: in immagini registrate dai Telescopi Spaziali Hubble e Spitzer l’Ammasso MACS J0329.6-0211, lontano 4,6 miliardi di anni luce dalla Terra sembra quadruplicare l’immagine, fortemente ingrandita, di una piccola galassia posta a 12,8 miliardi di anni luce, ai [...]
heic1116a
Letto 4.735 volte - Nessun commento
Grazie al Telescopio Spaziale Hubble un team di astronomi è riuscito ad osservare il disco di accrescimento di un quasar nell’atto di attrarre materiali in rotazione attorno al buco nero al centro di un nucleo galattico attivo.
[archive]