Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
16 Agosto 2017
Ci sono 280 utenti collegati
Atik Cameras
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 7.712 volte
    Nessun commento
    Commenta
    SETI. Per il primo contatto bisognerà aspettare ancora: dopo un’attenta analisi, gli astronomi hanno determinato che il “misterioso” segnale ricevuto ad Arecibo dalla stella Ross 128, è in realtà poco alieno e molto terrestre!

    Circondato in rosso, il segnale radio proveniente da Ross 128 rilevato a maggio 2017. Il grafico mostra uno slot di 10 minuti di osservazione.

    Questa settimana la notizia di un curioso segnale radio, rilevato dall’Osservatorio di Arecibo e apparentemente proveniente dalla nana rossa Ross 128 (GJ 447), una stella che si trova nella costellazione della Vergine a soli 11 anni luce dalla Terra, aveva suscitato un grande interesse mediatico.

    Anche se gli astronomi avevano proposto almeno tre possibili spiegazioni, l’idea che potesse trattarsi di un secondo controverso segnale WOW! aveva animato le speranze di molti. La possibilità, statisticamente molto bassa, che potesse trattarsi di una comunicazione extraterrestre è generalmente di gran lunga l’interpretazione preferita, piuttosto che spiegazioni naturali o tecniche, come potrebbero essere le interferenze terrestre o gli errori di rilevazione.

    Ad ogni modo, il team, guidato dal professor Abel Méndez direttore del Planetary Habitability Laboratory (PHL) di Peurto Rico e da Jorge Zuluaga dell’Università di Antioquia in Colombia, ha subito messo in moto le procedure di follow-up di quello che ora viene chiamato “Weird! Signal” (Segnale “Strano!”), in collaborazione con il SETI Berkeley Research Center dell’Università della California e del SETI Institute.

    Satelliti geostazionari operanti tra i 4 e gli 8 GHz nella stessa regione della stella Ross 128. Cliccare per ingrandire. Crediti: Enriquez et al. (SETI Berkeley), http://seti.berkeley.edu/ross128.pdf

    «I nuovi dati hanno mostrato, come spiegazione più probabile, che il misterioso segnale provenga da uno o più satelliti in orbita geostazionaria terrestre».

    Ciò spiegherebbe perché i segnali erano all’interno delle frequenze satellitari e persistevano solo per Ross 128. Questa stella, infatti, è vicina all’equatore terrestre dove si trovano molti satelliti geostazionari.
    Tuttavia, non tutto è risolto:

    «gli astronomi ancora non riescono a spiegare le forti caratteristiche di dispersione del segnale (le linee diagonali nella figura)».

    forse causate da molteplici riflessioni del segnale stesso, ma questo dato richiederà ancora del tempo per essere analizzato. Seguite i prossimi aggiornamenti!

    Leggi anche

    Segnale Wow!Il 15 agosto cadrà il 40esimo anniversario della ricezione del Segnale Wow!, l’unico segnale raccolto all’interno del programma SETI a non avere ancora una spiegazione. Di cosa si tratta esattamente? Leggi lo speciale che gli abbiamo dedicato su Coelum Astronomia 213 (luglio/agosto 2017): Il “Segnale Wow!”. Un enigma lungo 40 anni. Come sempre in formato digitale e gratuito.



    Semplicemente qui sotto, lascia la tua mail (o clicca sulla X) e leggi!
    L’indirizzo email verrà utilizzato solo per informare delle prossime uscite della rivista.


    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento