AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
10 Aprile 2021
Ci sono 293 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 5.312 volte
    Un Commento
    Commenta
    I dati provenienti dalla sonda della NASA, lanciata nel 1977, indicano rapidi mutamenti nella composizione dei raggi cosmici che sta incontrando. Segno quasi certo che sta per entrare nello spazio interstellare.

    Se non è già nello spazio interstellare, poco ci manca. Sono momenti entusiasmanti per il team della sonda Voyager 1 della Nasa, lanciata nel 1977 e ormai giunta alla distanza di 18 miliardi di chilmetri dal Sole, ai limiti estremi del sistema solare. Negli ultimi sette anni la sonda ha esplorato lo strato più esterno della bolla di particelle cariche intorno al Sole. In un solo giorno, lo scorso 28 luglio, la sonda ha rilevato un aumento del cinque per cento nel livello dei raggi cosmici ad alta energia, provenienti dall’esterno del nostro Sistema Solare. Nello stesso giorno, i dati hanno anche mostrato come le particelle di bassa energia prvenienti dall’interno del nostr sistema sia scesa della metà, anche se nel giro di tre giorni i livelli si sono riportati a quelli precedenti.

    La posizione dei due Voyager in una rappresentazione artistica (NASA)

    Un altro segnale di cambiamento che gli scienziati tentano di analizzare è quello della direzione del campo magnetico, i cui dati saranno esaminati nei prossimi mesi. Secondo gli studiosi, quando tutti e tre questi segnali cambieranno in modo permanente, vorrà dire che Voyager sarà nelo spazio interstellare, quindi ufficialmente fuori dal sistema solare. “Siamo certamente in una nuova regione ai margini del Sistema Solare in cui le cose stanno cambiando rapidamente. Ma non siamo ancora in grado di dire che Voyager 1 sia entrato nello spazio interstellare” spiega Edward Stone, scienziato del progetto Voyager presso il California Institute of Technology di Pasadena, California.

    I livelli delle particelle ad alta energia rilevati da Voyager sono in crescita da anni, ma sono mai stati alti come ora. Di contro, i livelli delle particelle a bassa energia sono diminuiti negli ultimi due anni e gli scienziati prevedono che scenderanno vicino allo zero quando Voyager 1 passerà finalmente nello spazio interstellare. “I dati sull’aumento e la diminuzione dell’energia sono più chiari di quanto lo erano prima” ha dichiarato Stone “Ma stanno cambiando in un modo che non ci aspettavamo, Voyager ci ha sempre sopreso con nuove scoperte”.

    Voyager 1 è stato lanciato il 5 settembre del 1977 ed è ad una distanza di 18 miliardi di kilometri dal Sole, mentre il suo compagno Voyager 2, lanciato il 20 agosto del 1970, si trova a 15 miliardi di kilometri.

    “Le nostre due sonde sono forti e sane, nonostante l’avvicinarsi del 35° anniversario del loro lancio” ha detto Suzanne Dodd, responsabile del progetto Voyager del Jet Propulsion Laboratory della Nasa, Pasadena. “Sappiamo che raggiungeranno lo spazio interstellare. Dobbiamo solo aspettare.”

    Commenta

    Un Commento a “Voyager 1 si avvicina al confine”

    1. Filippo Toto scrive:

      Mi permetto di farVi notare che entrambe le sonde furono lanciate nel 1977…

      Saluti
      Filippo

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento