AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
18 Ottobre 2019
Ci sono 224 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 5.339 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Una nuova immagine, più dettagliata che mai, della Grande Nube di Magellano. Grazie a una survey che ha coinvolto il telescopio VISTA dell’ESO, è stato possibile ottenere un’immagine con un gran numero in più di stelle, meglio definite, che hanno permesso agli astronomi di analizzare in dettaglio più di 10 milioni di stelle!

    La Grande Nube di Magellano nel vicino infrarosso, in una immagine ottenuta dalle osservazioni del telescopio VISTA dell'ESO. Il dettaglio è talmente alto da permettere agli astronomi di raccogliere dati precisi su oltre (per il momento) 10 milioni di stelle! Crediti: ESO/VMC Survey

    La Via Lattea è una galassia gigante (anche se non tra le più grandi) e attorno ad essa, nella sua corte di ammassi e galassie nane che popolano il suo alone, orbitano la Grande Nube di Magellano, o LMC, con la vicina Piccola Nube di Magellano, due tra le galassie nane satelliti più note e più vicine e visbili a occhio nudo (purtroppo solo dai cieli dell’emisfero australe). Sono quindi laboratorio ideale per gli astronomi che studiano i processi evolutivi che modellano le galassie.


    Nel video la differenza tra un’immagine Grande Nube di Magellano ripresa nel visibile e l’immagine in vicino infrarosso ripresa da VISTA

    Per questo motivo, nell’arco degli ultimi dieci anni, gli astronomi stanno raccogliendo dati per mappare la loro struttura tridimensionale e l’evoluzione della loro formazione stellare, grazie al telescopio VISTA dell’ESO. La principale caratteristica che ha reso questa immagine la più dettagliata che abbiamo al momento è la lunghezza d’onda su cui lavora, oltre ovviamente alla definizione. VISTA infatti lavora nel vicino infrarosso, e come abbiamo visto in altre occasioni, questo permette di osservare attraverso il velo della polvere interstellare, trasparente a quelle lunghezze d’onda, riuscendo a svelare con maggior definizione le stelle che si nascondo dietro.

    In questo modo sono state analizzate in dettaglio circa 10 milioni di stelle della Grande Nube, delle quali è stata determinata l’età grazie a modelli stellari all’avanguardia, che prevedono la vita e la morte delle stelle legando tra loro età, massa e temperatura, scoprendo che le stelle più giovani tracciano nella Nube bracci a spirale multipli.

    Non solo stelle, ma in questa immagine possiamo vedere alcune delle più spettacolari regioni della LMC, riuscite a individuarle nell'immagine navigabile linkata qui sotto alla fine dell'articolo? Crediti: ESO/VMC Survey

    Tutto questo aiuterà gli astronomi non solo nello studio dell’evoluzione stellare e delle stelle variabili ma anche della dinamica della nostra galassia. Le stelle rivelate in questa immagine sono discusse nell’articolo “The VMC Survey – XXXIV. Morphology of Stellar Populations in the Magellanic Clouds” che verrà pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

    Come risultato “collaterale” invece, noi possiamo oggi navigare all’interno di questa dettagliatissima immagine e perderci tra i milioni di astri visibili, e letteralmente vi invitiamo farlo a questo link dove trovate l’immagine della Grande Nube di Magellano alla piena risoluzione e zoommabile fino al più piccolo particolare ripreso. Buona visione!


    Esopianeti Vicini
    Lo studio dei sistemi stellari più vicini al Sole
    …e tante pagine dedicate alle vostre immagini e ai vostri contributi!

    Coelum Astronomia di Settembre 2019
    è online, come sempre in formato digitale, pdf e gratuito.
    Lascia la tua mail o clicca sulla X e leggi!

    L’indirizzo email serve solo per informare delle prossime uscite della rivista.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento