AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Agosto 2018
Ci sono 195 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.128 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Grazie all’analisi delle riprese ad alta definizione ottenute dalla telecamera HiRISE è stato possibile determinare per la prima volta la velocità dei venti su Marte che spirano all’interno dei cosidetti dust devil.

    Tempeste di polveri su Marte. Credits: NASA/JPL-Caltech/MSSS

    Grazie all’analisi delle riprese ad alta definizione, ottenute dalla telecamera HiRISE dell’orbiter Mars Reconnaissance, durante e dopo lo sviluppo di alcuni dust devil, gli improvvisi “tornado” di polveri che periodicamente si formano nell’atmosfera di Marte a diretto contatto col suolo, è stato possibile determinare per la prima volta la velocità dei venti che spirano all’interno dei vortici.

    I valori ottenuti – da 20 a 45 metri al secondo – si piazzerebbero secondo una scala terrestre tra bufera ed uragano. Le perturbazioni, che sembrano generarsi preferenzialmente attorno a metà del pomeriggio marziano – quando i contrasti tra le temperature del suolo e dell’aria, che scatenano i moti vorticosi, sono più intense – si elevano ad altezze comprese tra 150 metri circa a 1 Km, con diametro variabile da 30 a 250 metri.

    Tenendo conto della diversa gravità dei due pianeti, questi parametri li rendono più simili ai tornado che si scatenano sul nostro pianeta, piuttosto che ai mulinelli tipici delle zone desertiche terrestri, da cui prendono il nome.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento