AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
27 Maggio 2018
Ci sono 218 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 3.225 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Il 3 dicembre, due sonde giapponesi, la Hayabusa 2 e la Procyon, sfioreranno la Terra per effettuare una manovra di fionda gravitazionale, nel frattempo non mancano si inviare i loro scatti di… “casa”.

    Quest'immagine della Terra e della Luna è stata scattata alle 4:46 ora italiana del 26 Novembre dalla fotocamera ONC-T a bordo della sonda giapponese Hayabusa 2. Il 3 Dicembre, Hayabusa 2 riceverà una spinta gravitazionale dalla Terra che le permetterà di raggiungere l'asteroide Ryugu nel 2018. Al momento dello scatto, Hayabusa 2 si trovava a circa 3 milioni di chilometri dal nostro pianeta.

    Il 3 dicembre, due sonde giapponesi sfioreranno la Terra per effettuare una manovra di fionda gravitazionale. Le sonde Hayabusa 2 e Procyon, lanciate assieme esattamente un anno prima, passeranno a qualche milione di chilometri dalla superficie terrestre, sfruttando la gravità del nostro pianeta per accelerare e modificare le proprie orbite.

    Concluso l’incontro con la Terra, Hayabusa sarà nuovamente impegnata nella lunga traversata del sistema solare che le farà raggiungere l’asteroide 1999 JU3 Ryugu a metà del 2018. Una volta raggiunto l’asteroide, la nave madre giapponese rilascerà una flotta di sonde secondarie, tra cui una sonda che si schianterà contro l’asteroide e tre rover e una piattaforma scientifica europea che ne esploreranno la superficie. Raccolti i campioni del suolo, la sonda farà rientro sulla Terra. Una simulazione in tempo reale della traiettoria di Hayabusa 2 è disponibile cliccando qui.

    Lo stesso giorno, due milioni e mezzo di chilometri più in alto di Hayabusa 2 ci sarà un’altra sonda giapponese, il piccolo veicolo sperimentale Procyon, diretto verso l’asteroide binario 2000 DP107. Purtroppo, a causa di un guasto al propulsore a ioni, gli scienziati hanno dovuto rinunciare all’obiettivo primario della missione, ovvero quello di esplorare l’asteroide. Nonostante ciò, gli altri sistemi di bordo continuano a operare alla perfezione: recentemente, Procyon ha perfino effettuato delle osservazioni della lontana cometa di Rosetta.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento