AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
23 Luglio 2019
Ci sono 272 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 2.480 volte
    Nessun commento
    Commenta
    La sonda Dawn, in orbita attorno a Cerere, si sposta su un orbita più esterna per continuare a monitorare e raccogliere importanti dati sul pianeta nano risparmiando però prezioso carburante per il confermato prolungamento di missione.

    Dopo aver trascorso più di otto mesi parcheggiata 385 chilometri al di sopra della superficie di Cerere, la sonda americana Dawn è pronta a traslocare. Il 2 settembre, la sonda inizierà un trasferimento verso una nuova orbita a 1460 chilometri di quota.

    Portandosi a una distanza maggiore dal pianeta nano, Dawn potrà ridurre il suo consumo di idrazina, il propellente utilizzato per modificare l’assetto della sonda. L’idrazina, al momento, è l’unica risorsa che preoccupa gli scienziati. Essendosi Dawn aggiudicata un’estensione il 30 giugno, la priorità degli scienziati ora è far sì che la sonda possa sopravvivere il più a lungo possibile. Qualora dovesse esaurire la sua idrazina, Dawn non sarebbe più in grado di puntare i suoi strumenti verso la superficie di Cerere, i suoi pannelli solari in direzione del Sole o la sua antenna verso la Terra.

    «Molte sonde non sarebbero in grado di cambiare la loro altitudine orbitale con così tanta facilità», spiega Marc Rayman della NASA. «Grazie al sistema di propulsione a ioni di Dawn, possiamo manovrarla in modo da ottenere quante più misurazioni scientifiche possibile».

    Tra agosto e ottobre 2015, la sonda era nella cosiddetta High Altitude Mapping Orbit (HAMO, alta orbita di mappatura), a 1460 chilometri da Cerere. Nonostante sia più o meno alla stessa altitudine, la prossima orbita di Dawn sarà caratterizzata da una geometria diversa (nello specifico, cambierà l’angolo tra il piano orbitale e il vettore verso il Sole). Ciò consentirà alla sonda di avere un punto di vista del tutto inedito sulla superficie di questo mondo alieno.

    Leggi lo speciale dedicato alla missione Dawn, a Vesta e a Cerere nell’ultimo numero di Coelum Astronomia – come sempre, completamente gratuito e in formato digitale consultabile da qualsiasi dispositivo!


    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento