AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Agosto 2018
Ci sono 261 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 5.807 volte
    Un Commento
    Commenta
    Rientrato senza alcun problema l’Ultimo Shuttle: questa mattina, 21 luglio, alle 11:56 lo Space Shuttle Atlantis ha toccato Terra in Florida sulla Landing Facility del Kennedy Space Center chiudendo così il sipario sul più grande veicolo spaziale mai concepito.

    L'atterraggio dello Shuttle Atlantis nel crepuscolo del cielo della Florida (11:56 ora italiana)

    Ecco, il momento del “The End” è arrivato! L’ultima missione dello Space Shuttle partita l’8 luglio è giunta al termine dopo quasi 13 giorni trascorsi nello spazio.

    Questa mattina, 21 luglio, alle 11:56 lo Space Shuttle Atlantis è atterrato in Florida sulla Landing Facility del Kennedy Space Center chiudendo così il sipario sul più grande veicolo spaziale mai concepito.

    In trent’anni lo Space Transportation System è stato uno splendido film, ci ha fatto provare i

    Atlantis ripreso il 19 luglio, da Ron Garan (a bordo della ISS) poco dopo il distacco.

    sentimenti più disparati, dall’emozione dello Spazio a portata di mano al groppo in gola per i tragici incidenti e ha rappresentato la forma più evoluta di trasporto spaziale.

    Il primo aerospazioplano, il primo veicolo spaziale riutilizzabile e anche il primo che poteva portare fino a dodici persone a bordo… era rivoluzionario e apriva le possibilità ad una pletora di possibili evoluzioni. Purtroppo mai arrivate.
    Certo è che l’avionica e tutti i vari dettagli, così come il serbatoio esterno e i razzi SRB, hanno subito un continuo miglioramento, ma gli orbiter sono rimasti quelli di trent’anni fa. Quanti di voi hanno l’automobile di trent’anni? Probabilmente nessuno.  So che questo paragone non calza perfettamente, ma rende l’idea.

    Da oggi tutto il programma Shuttle è già storia e purtroppo ci ritroveremo con un unico veicolo per raggiungere lo Spazio e quindi la Stazione Spaziale Internazionale che è stata costruita grazie alla grande capacità di trasporto delle navette, la Soyuz.

    Un “primo piano” dell’Atlantis in un’immagine scattata al suo arrivo sulla Stazione Spaziale.

    E se ci pensiamo siamo esattamente nella situazione di partenza nella corsa allo spazio.

    Quando lo Shuttle è entrato in servizio, il programma Apollo era già finito e l’unico modo per raggiungere l’orbita era affidato alle capsule Soyuz che, con i dovuti aggiornamenti, stanno funzionando egregiamente ancora oggi.

    In sostanza finisce un’epoca, lasciamo una marea di occasioni sprecate e di speranze disattese, ma si dice che ogni scelta è figlia del tempo in cui viene fatta e oggi, in un tempo di crisi globale, manca forse un po’ di lungimiranza da parte delle agenzie spaziali, ma che deve essere cercata in alcuni personaggi privati in grado di avviare progetti come La Space ShipTwo e i sistemi Falcon/Dragon.

    Il dado è tratto, non sono possibili ripensamenti (due navette sono già parzialmente disassemblate e le linee di produzione dei serbatoi sono smantellate) e passerà molto tempo prima che un veicolo complesso come lo Space Shuttle possa raggiungere lo spazio…

    .

    Un sentito ringraziamento a Marco Zambianchi, Michael Sacchi, Paolo Amoroso, Luigi Morielli e a tutto il team Astronauticast per le belle ore che ci hanno regalato nelle lunghe dirette sui lanci degli Shuttle, per la loro professionalità e grande simpatia!

    SPECIALE LIVE: Il lancio dello Space Shuttle Atlantis, missione STS-135 in diretta LIVE. Giovedì 21 Luglio 2011, a partire dalle ore 10:00, seguiremo il rientro e l’atterraggio dell’ultima missione dello Space Shuttle. Le storiche navette spaziali infatti andranno definitivamente in pensione dopo quest’ultima missione. Commento tecnico in italiano delle immagini di NasaTV da parte del team di AstronautiCAST! Atterraggio previsto alle 11:56 italiane. Potrete intervenire in diretta con domande e commenti via chat.
    ATTENZIONE: dato che si tratta di un rientro assoggettato alle condizioni meteo della zona d’atterraggio, sono previste 2 possibilità il primo giorno, la prima è quella riportata, mentre la seconda è circa 90 minuti dopo. In caso di mancato rientro giovedì, le occasioni si ripeteranno il giorno dopo e anche la trasmissione verrà rimandata di conseguenza. Seguiteci sul sito di Coelum Astronomia per restare aggiornati.
    L’evento è *GRATUITO*. Per partecipare sarà sufficiente accedere, il 21 Luglio 2011 alle 10:00 italiane, alla home page di CoelumStream. La trasmissione in diretta sarà visibile direttamente lì, dalla home page di CoelumStream.

    Commenta

    Un Commento a ““the End” – Il rientro dell’Ultimo Shuttle”

    1. Superb, what a webpage it is! This blog gives useful data to us, keep it up.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento