AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Luglio 2020
Ci sono 201 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.377 volte
    Un Commento
    Commenta
    L’incontro ravvicinato è avvenuto il primo agosto, a una distanza di 814 km dalla cometa e a ben 543 milioni di chilometri dal sole. Un fatto significativo, in quanto è la prima volta che uno strumento umano entra in contatto così ravvicinato con i grani di una cometa a una distanza così lontana dal Sole

    Nuova cartolina da Rosetta: la cometa 67P ripresa dalla NAVCAM il 12 agosto scorso da una distanza di circa 103 km. Credits: ESA/Rosetta/NAVCAM

    Attività iniziata a bordo di Rosetta: GIADA ha cominciato il suo lavoro, “toccando”, sebbene a distanza, i grani che compongono la chioma della cometa 67/P/ Churyumov-Gerasimenko. Il  “Grain Impact Analyser and Dust Accumulator” (da cui l’orientaleggiante acronimo GIADA) è lo strumento che ha il compito di misurare numero, massa, quantità di moto e distribuzione di velocità dei grani di polvere nell’ambiente cometario, oltre alle caratteristiche delle diverse aree che emettono polvere sulla superficie della cometa.

    Il primo incontro ravvicinato è avvenuto il primo agosto, a una distanza di 814 km dalla cometa e a ben 543 milioni di chilometri dal Sole. Un fatto significativo, in quanto è la prima volta che uno strumento umano entra in contatto con i grani di una cometa a una distanza così ravvicinata e così lontana dal Sole. I successivi contatti sono avvenuti il 2, 4 e 5 agosto.

    D

    Una rappresentazione di GIADA mentre raccoglie i grani della cometa. L’immagine è stata preparata con i materiali forniti dal consorzio GIADA da M. Ferrari and V. Galluzzi. Credit: ESA/Rosetta/GIADA/Univ Parthenope NA/INAF-OAC/IAA/INAF-IAPS.

    .

    Da questa prima “raccolta” è stato possibile stimare le dimensioni dei grani raccolti, che vanno da qualche decina di micron (paragonabili alla larghezza di un capello) fino ad alcune centinaia di micron (circa 0,35 millimetri ). I grani di polvere della cometa si pensa possano essere una combinazione di silicati, sostanze organiche e altri costituenti minori. Questi grani. racchiusi negli strati di ghiaccio del nucleo, vengono rilasciati quando, sublimando, il ghiaccio evapora.

    Naturalmente ne serviranno ancora molti per dettagliarne le caratteristiche, ma ad una prima analisi questi sembrano corrispondere al modello sviluppato dal team di GIADA per simulare le prestazioni degli strumenti per la raccolta e l’analisi della polvere cometaria a bordo di Rosetta.

    Man mano che la cometa si avvicinerà al Sole, aumenterà la produzione di polvere e GIADA potrà così fornire una panoramica completa dell’ambiente della cometa e di come si evolve nel tempo.

    Significativo il ruolo della scienza italiana, attraverso l’ASI, nello strumento GIADA alla cui realizzazione hanno partecipato l’Università Parthenope di Napoli, l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte dell’INAF e l’INAF-IAPS.

    Commenta

    Un Commento a “Rosetta nella chioma della cometa: i primi grani della 67P/C-G”

    1. Tonini Marco scrive:

      Sarà più interessante, ma questo è solo questione di tempo, scoprire di quali sostanze è composta, questo corpo celeste, che proviene dalla nube di Oort. Spero si tratti di elementi a noi finora sconosciuti, altrimenti si avrà un “calo di entusiasmo”.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento