AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Agosto 2020
Ci sono 179 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Avatar membro
  • Letto 3.473 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Nonostante sia privo di un campo magnetico proprio, anche attorno a Venere sono stati osservati fenomeni di riconnessione magnetica grazie agli strumenti della sonda dell’ESA. Alessandro Mura (INAF):”Una scoperta che getta nuova luce sugli studi di perdita di massa atmosferica per corpi come Venere e Marte”.

    Non la vediamo, ma è un preziosissimo ‘ombrello’, che ci protegge dagli effetti più pericolosi delle particelle energetiche che arrivano dal sole o da qualunque altra sorgente nella nostra galassia o addirittura oltre. È la nostra magnetosfera, sostenuta dal campo magnetico intrinseco di cui è dotata la Terra. Oltre a questa importante funzione, la magnetosfera gioca un ruolo determinante nel regalarci le spettacolari aurore polari che sono prodotte da fenomeni di riconnessione magnetica dovuti all’interazione del campo magnetico interplanetario con quello terrestre. Ci sono però pianeti nel sistema solare, tra questi Venere, che non possiedono un loro campo magnetico e quindi devono ‘accontentarsi’ di possedere una magnetosfera indotta. A generarla è l’urto con gli strati più esterni della sua atmosfera del vento solare e dei campi magnetici da esso trasportati, che vengono quindi deviati, seppure in maniera meno efficiente. E se visto che non c’è campo magnetico intrinseco, su Venere non dovrebbero verificarsi nemmeno fenomeni di riconnessione magnetica. Almeno questo era ciò che pensavano gli scienziati. Ora però a far ricredere gli astrofisici arrivano i sorprendenti risultati pubblicati online sul sito della rivistaScience, ottenuti grazie alle misure raccolte dalla sonda Venus Express dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Rianalizzando i dati del magnetometro e del sensore di plasma registrati nel maggio del 2006, poche settimane dopo l’immissione nell’orbita venusiana del veicolo spaziale, il team di ricercatori guidato da Tielong Zhang, della University of Science and Technology di Hefei, in Cina, hanno individuato un evento di riconnessione magnetica avvenuto a circa 10.000 km dalla superficie del pianeta.

    “Grazie ai dati del magnetometro (MAG) e del sensore di plasma (ASPERA) a bordo di Venus Express, è stato per la prima volta possibile stabilire che le similitudini tra pianeti con campo magnetico e quelli senza come Venere e Marte vanno ben al di là di quanto supposto” commenta Alessandro Mura, ricercatore dell’INAF-IAPS di Roma e Co Investigator di ASPERA. “Sorprendentemente, non solo questi ultimi posseggono una magnetosfera indotta (e sono quindi parzialmente schermati dal mezzo interplanetario), ma mostrano anche quei fenomeni di parziale riconnessione che, sulla Terra, permettono il temporaneo legame tra campo magnetico interplanetario e planetario e il conseguente travaso di energia e materia. Le misure di MAG e ASPERA hanno individuato degli indubitabili segnali della riconnessione anche su Venere che, data l’assenza di un campo magnetico intrinseco, è stata finora considerata immune da tali meccanismi di scambio. Questa misura getta nuove e interessanti luci sugli studi di perdita di massa atmosferica per corpi come Venere e Marte”.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento