AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
25 Gennaio 2021
Ci sono 127 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.065 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Il 16 luglio la sonda Dawn della NASA, addirittura in anticipo sulle più ottimistiche attese, raggiungerà Vesta, immettendosi in un’orbita che la porterà a studiare la superficie e la composizione del grande asteroide da un’altezza che per il momento sarà di qualche centinaio di chilometri.

    Vesta ripresa dalla Dawn il 20 giugno da una distanza di 189 000 chilometri

    .

    Come programmato, continua le serie di riprese “a rotazione” della sonda Dawn previste per ottenere una mappatura completa dell’asteriode durante un’intera rotazione (che su Vesta dura 5 ore e 20 minuti), e rilevarne radiometrie indispensabili per determinarne con precisione la massa.

    Questa immagine (indubbiamente la migliore mai vista sino ad ora del grande asteroide) è stata ripresa lo scorso 20 giugno quando la navicella si trovava a una distanza di circa 189 mila chilometri dal suo obiettivo.

    Per gli altri dettagli sulla missione si legga l’articolo a cura di Claudio Elidoro “Stiamo per arrivare su VESTA. Momento storico per l’astronomia e per l’esplorazione spaziale” pubblicato su Coelum n. 148 e l’articolo online “Dalla Dawn i primi dettagli della superficie di Vesta”

    Image credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento