Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Gennaio 2018
Ci sono 266 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.418 volte
    Nessun commento
    Commenta
    FORSE IN ORBITA ATTORNO A UN BUCO NERO Incastrando il ”colpevole” del più celebre ed enigmatico fra i lampi radio con il radiotelescopio di Arecibo, l’astrofisico italiano Daniele Michilli, dell’istituto di radioastronomia olandese Astron, si è guadagnato la copertina di questa settimana della rivista Nature. Media Inaf lo ha intervistato

    Crediti: Bill Saxton, NRAO/AUI/NSF; Hubble Legacy Archive, ESA, NASA

    Ancora tu, non mi sorprende lo sai. Sei ancora tu, purtroppo l’unica. Si chiama Frb 121102 ed è l’unica sorgente di fast radio burst (o Frb, lampi radio veloci) nell’universo conosciuto a non sorprenderci più di tanto: si ripetePurtroppo l’unica, dicevamo, perché i lampi radio sono talmente brevi che, senza sapere in anticipo da dove proverranno, e dunque dove volgere il “padiglione auricolare”, occorre una fortuna enorme per captarne uno. Ma Frb 121102 si ripete, appunto: ed è proprio verso di lei – un’anonima galassia a tre miliardi di anni luce dalla Terra – che ha teso l’orecchio (il secondo più grande al mondo) la mitica antenna da 305 metri di diametro di Arecibo, a Puerto Rico.

    La copertina di Nature dedicata alla scoperta.

    Intuizione premiata: i dati raccolti dallo storico radiotelescopio – poi confermati dal Green Bank, un’altra antenna blasonata e anch’essa, come Arecibo, dal futuro un po’ incerto – hanno consentito a un team internazionale di scienziati guidato da un giovane astrofisico italiano, Daniele Michilli, di ricostruire l’ambiente di provenienza del lampo radio. E dunque il profilo del “colpevole”, dell’oggetto cosmico che lo ha prodotto: con buona probabilità, una stella di neutroni – forse una magnetar – immersa in un campo magnetico intensissimo.

    Nato a Roma, laurea alla Sapienza con una tesi svolta all’Inaf Iaps di Roma, Michilli è oggi ricercatore all’istituto di radioastronomia olandese Astron e all’Università di Amsterdam, e con questa scoperta si è guadagnato addirittura la copertina di Nature.

    Daniele Michilli. Crediti: Media INAF

    «Al momento abbiamo due ipotesi. A emettere questi bursts molto potenti, molto brillanti, potrebbe essere una stella di neutroni estremamente giovane», dice lo scienziato a Media Inaf, «e attorno a questa stella di neutroni potrebbe esserci una supernova remnant, o una pulsar wind nebula, che crea le caratteristiche peculiari che osserviamo nei bursts. L’alternativa che suggeriamo, nel nostro studio, è un nuovo possibile scenario: una stella di neutroni in orbita attorno a un buco nero supermassiccio. Una configurazione, questa, mai osservata prima, e che creerebbe le caratteristiche uniche rilevate, appunto, nei burstsemessi da Frb 121102».

    Immagine in luce visibile della galassia da cui proviene il (non più così) misterioso FRB che "si ripete". Crediti: Gemini Observatory/AURA/NSF/NRC.

    Quali caratteristiche? Le “firme” dell’ambiente d’origine dei lampi radio prodotti da Frb 121102 che hanno attirato l’attenzione di Michilli e colleghi sono essenzialmente due. La prima è la loro durata brevissima, anche meno d’un millisecondo. «Uno dei risultati del nostro studio è che abbiamo trovato il burst più corto mai osservato, appena qualche decina di microsecondi. Per generare un segnale radio così breve è necessaria una sorgente estremamente piccola», spiega Michilli, «una regione d’emissione di circa 10 km. Quindi oggetti compatti, e le stelle di neutroni sembrano una spiegazione naturale». La seconda caratteristica peculiare è quella che in inglese viene chiamata twisting: una sorta di “attorcigliamento” impresso sulla polarizzazione del segnale da un fenomeno noto come rotazione di Faraday, e che si verifica quando, appunto, un’onda radio attraversa plasma altamente magnetizzato.

    Per saperne di più:

    • Leggi su Nature l’articolo “An extreme magneto-ionic environment associated with the fast radio burst source FRB 121102”, di D. Michilli, A. Seymour, J. W. T. Hessels, L. G. Spitler, V. Gajjar, A. M. Archibald, G. C. Bower, S. Chatterjee, J. M. Cordes, K. Gourdji, G. H. Heald, V. M. Kaspi, C. J. Law, C. Sobey, E. A. K. Adams, C. G. Bassa, S. Bogdanov, C. Brinkman, P. Demorest, F. Fernandez, G. Hellbourg, T. J. W. Lazio, R. S. Lynch, N. Maddox, B. Marcote, M. A. McLaughlin, Z. Paragi, S. M. Ransom, P. Scholz, A. P. V. Siemion, S. P. Tendulkar, P. Van Rooy, R. S. Wharton e D. Whitlow

    Guarda su MediaInaf Tv l’intervista a Daniele Michilli:


    ✨ SPECIALE 2018. Tutti gli Eventi Celesti e le Missioni di Esplorazione Spaziale del Nuovo Anno!

    Coelum Astronomia 218 di gennaio 2018 è online, come sempre in formato digitale e gratuito…
    Semplicemente qui sotto, lascia la tua mail (o clicca sulla X) e leggi!

    L’indirizzo email verrà utilizzato solo per informare delle prossime uscite della rivista.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento