AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Marzo 2021
Ci sono 133 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.248 volte
    Nessun commento
    Commenta
    E’ questo, fino al 25 giugno, il periodo migliore per seguire il “volo” della cometa C/2009 R1 (McNaught). Nella notte tra il 15 e il 16 giugno, infatti, la cometa ha raggiunto il punto più vicino alla Terra.
    Lo spettacolo McNaught!

    Lo spettacolo McNaught!

    E’ questo, fino al 25 giugno, il periodo migliore per seguire il “volo” della C/2009 R1 (McNaught).

    Nella notte tra il 15 e il 16 giugno, infatti, la cometa ha raggiunto il punto più vicino alla terra (1,13 Unità astronomiche, equivalente a 169 milioni di chilometri) e nei prossimi giorni si avvicinerà via via al Sole aumentando sempre piu’ la sua luminosità, ad oggi di +4,5 magnitudini.

    Le ultime stime dicono che potrebbe raggiungere addirittura una magnitudine vicina a +2 e quindi, in ottime condizioni di cielo buio e terso, si potrà tentare l’osservazione ad occhio nudo! A causa della sua ridotta elongazione dal Sole la cosa non risulterà però così facile, ma invitiamo chi non volesse perdersi lo spettacolo a tentare l’osservazione verso le 4 del mattino, con il Sole sotto l’orizzonte di almeno -12°.

    Mappa celeste per individuare la cometa McNaught

    Mappa celeste per individuare la cometa McNaught

    Basterà dirigere lo sguardo in direzione del Perseo, dove la cometa si muoverà velocemente a sud est di Mirfak (alfa Persei, mag. +1,8) in direzione della brillantissima Capella (alfa Aurigae, mag. +0.1), che raggiungerà il 22 giugno, avvicinandola di 1,8° a nordest. Continuerà poi a spostarsi nella parte settentrionale dell’Auriga fino a trovarsi il 25 a 49′ a nordest di Menkalinan (beta Aurigae, mag. +1,9).

    La cometa darà il meglio di sè anche solo in un binocolo o in un piccolo telescopio, mostrando la sua chioma verdognola e una lunga coda bluastra.

    La rivedremo poi il 30 giugno quando diventerà un astro della sera osservabile, fino al 9 luglio, subito dopo il tramonto, bassa sull’orizzonte ovest, ma sarà ormai troppo lontana e per continuare a seguirla saranno necessari strumenti piu’ sofisticati.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento