Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
19 Novembre 2017
Ci sono 225 utenti collegati
Atik Cameras
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Al momento non ci sono utenti online
  • Letto 4.943 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Il Sole e la luce della sua cromosfera scomposta nei colori che la compongono, un’immagine che rivela “tutti i colori del Sole”!
    La "colorsfera" del Sole

    La "colorsfera" del Sole. Sulla sinistra l'immagine del Sole nell'attimo seguente la fine della totalità, sulla destra lo spettro "flash" ottenuto con una esposizione di 1/30 sec. Crediti: ESA/M. Castillo-Fraile

    Questa immagine colorata è uno “spettro flash della cromosfera” catturato durante l’eclissi solare totale che si è verificato negli Stati Uniti il ​​21 agosto di quest’anno, dal team della spedizione ESA che ha monitorato l’eclissi da Casper, nel Wyoming.

    Durante un’eclissi, quando la Luna oscura temporaneamente la luce travolgente della fotosfera del Sole, gli astronomi possono effettuare misure non possibili in condizioni normali. Tra queste l’analisi della tonalità di rosso, normalmente invisibile, della cromosfera, lo strato dell’atmosfera solare direttamente sopra la superficie turbolenta della fotosfera.

    Un’immagine di questo tipo può essere ottenuta solo dall’ultima e dalla prima luce del lembo solare, subito prima e subito dopo la fase totale dell’eclissi rispettivamente, quando è possibile riprendere questo tipo spettro chiamato “flash” proprio perché le misurazioni devono essere completate in pochissimi secondi. È così che l’emissione di luce che arriva dalla cromosfera del Sole può essere suddivisa in uno spettro di colori, che mostrano l’impronta digitale di diversi elementi chimici. L’emissione più intensa è dovuta all’idrogeno, così come l’emissione rossa in H alpha che vediamo all’estremo destro.

    Nel mezzo, il giallo brillante corrisponde all’elio, un elemento scoperto proprio in occasione di uno spettro di questo tipo raccolto durante l’eclisse totale del 18 agosto 1868, anche se in quel momento ancora non si sapeva di cosa si trattasse. Solo tre decenni dopo, l’elio verrà scoperto sulla Terra e quello spettro associato ad esso, si scoprirà poi trattarsi del secondo più abbondante elemento nell’intero Universo, dopo l’idrogeno!

    L’immagine è stata ripresa dal team del Cesar science educational project (European Space Astronomy Centre vicino a Madrid, Spagna). Altre immagini raccolte durante l’eclissi sono visibili sul sito del progetto Cesar eclipse.

    Leggi anche

    ➜ Eclissi storiche. I primi passi verso lo studio della parte esterna del Sole di Mario Rigutti

    ➜ Le mie Eclissi di Sole. Diario di Viaggio di un Astronomo di Mario Rigutti

    ➜ Eclissi di Sole: dalle suggestioni del passato alla scienza del futuro
    di Alessandro Bemporad, Luca Zangrilli, Silvano Fineschi (INAF – Osservatorio Astrofisico di Torino)

    Come funzionano le Eclissi di Sole. «Ah, Signor Professore, la scienza esiste!»
    Geometria delle eclissi
    di Mario Rigutti

    Eclissi di Sole USA 2017. Le vostre migliori immagini e l’esperienza di chi era sul posto. Di Giovanna Ranotto, Corrado Lamberti, Giuseppe Conzo, Cristiano Secci e le immagini e i video di Simone Renoldi, Carlo Dellarole, Giovanni Mele, Aldo Dell’Acqua, Antonio Demichele, Luca Maccarini.


    Coelum non è solo l’ultimo numero! Scegli l’argomento che preferisci e inizia a leggere! E’ gratis…

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento