AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
2 Luglio 2020
Ci sono 339 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Iscrivi alla Newsletter di Coelum Astronomia
  • Commenti Recenti

  • Parole dal Sito

  • Seguici anche su Facebook!

  • Active Members

    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
    Avatar membro
     
  • Online Users

    Avatar membro
  • Letto 4.642 volte
    Nessun commento
    Commenta
    Dopo il lancio avvenuto il 30 maggio da Cape Canaveral e circa 20 ore di volo, gli astronauti americani Robert Behnken e Douglas Hurley sono a bordo della Stazione spaziale internazionale. La navicella Crew Dragon si è agganciata al modulo Harmony della stazione spaziale alle 16:16 di ieri pomeriggio (ora italiana).

    L'equipaggio della missione Expediton 63, salita a 5 membri con l'arrivo di Robert Behnken e Douglas Hurley a bordo della Crew Dragon della SpaceX. Da sinistra: Anatoly Ivanishin e Ivan Vagner (Roscosmos), il comandante della stazione Chris Cassidy (NASA) e i due nuovi arrivati Bob Behnken e Doug Hurley, sempre della NASA. Crediti NASA

    Dopo il lancio avvenuto il 30 maggio da Cape Canaveral e circa 20 ore di volo, gli astronauti americani Robert Behnken e Douglas Hurley sono a bordo della Stazione spaziale internazionale.

    La navicella Crew Dragon – ribatezzata Endeavour dagli stessi astronauti (come l’ultimo shuttle che ha volato a bordo del quale c’era anche Hurley) – si è agganciata al modulo Harmony della stazione spaziale alle 16:16 del 31 maggio (ora italiana). Le operazioni di manovra in prossimità della stazione spaziale sono compiute dalla Crew Dragon  in modo completamente automatico, anche se sotto il controllo attento degli astronauti a bordo e del centro di controllo in Florida.

    Il video integrale delle manovre di attracco della Crew Dragon alla Iss

    La Dragon poco dopo le 15:30 si trova a poco più di 200 metri di distanza dalla Iss e servono oltre 45 minuti per le ultime delicate manovre di avvicinamento dopo alla stazione spaziale affinché le due navicelle spaziali entrino in contatto. Dopo le varie operazioni di bilanciamento di pressione e temperatura tra navicella e il locale di passaggio verso la stazione spaziale, si sono potuti aprire i portelloni: alle 19:22 ora italiana i due equipaggi si sono finalmente stretti la mano.

    Behnken e Hurley sono da questo momento a tutti gli effetti membri della missione Expedition 63 insieme a Chris Cassidy (comandante, NASA) e ai cosmonauti Ivan Vagner e Anatoly Ivanishin e, per alcune settimane, effettueranno a bordo della Iss test e esperimenti scientifici, prima di tornare sulla Terra.

    «Dragon in arrivo», così l’astronauta Chris Cassidy ha accolto Robert Behnken e Douglas Hurley a bordo della stazione spaziale. «Bob and Doug, siamo felici di avervi a bordo come parte dell’equipaggio».

    Qui a sinistra il momento dell’incontro dell’equipaggio della missione Expedition 63 al completo a bordo della Iss e l’applauso dal centro di controllo a Houston.

    La missione NASA/SpaceX Demo-2, che si concluderà con il rientro degli astronauti a Terra tra qualche settimana, chiuderà definitivamente la fase di test per certificare la capacità di SpaceX di portare in sicurezza gli astronauti a bordo da e per la stazione spaziale.

    Oltre ad aprire l’era dei voli spaziali alle compagnie private, il lancio della Crew Dragon del 30 maggio segna la fine della dipendenza degli Stati Uniti dai veicoli spaziali russi Soyuz. Space Shuttle a parte infatti, la NASA si è affidata alle datate ma affidabili capsule russe per il trasporto dei suoi astronauti, acquistando dal 2006 a oggi circa 70 posti sui voli Soyuz.

    Appare ormai decisamente superata la tecnologia sviluppata negli anni ‘60 per i veicoli Soyuz, destinata all’esplorazione lunare, ma occorre ricordare che anche ogni singola innovazione tecnologica sviluppata per il programma Apollo era progettata e costruita per la prima volta e che solo poco più di 50 anni fa il primo uomo metteva piede sulla Luna, un passo enorme per tutta l’umanità.

    Oggi, nel 2020, siamo testimoni di un altro decisivo passo in avanti e tutto fa pensare che ci aspettino anni davvero avvincenti per l’esplorazione spaziale.
    Una nuova era spaziale è appena cominciata.

    Il video celebrativo del lancio verso la stazione spaziale.

    Volete provare l’ebrezza di attraccare alla stazione spaziale con la navicella Crew Dragon Endeavour? Ecco pronto il simulatore della SpaceX!


    Il Dilemma Cosmologico della Materia Oscura

    Ipotesi ed evidenze dalle origini della scoperta alle galassie senza materia oscura

    Coelum Astronomia di Maggio 2020
    è online, come sempre in formato digitale, pdf e gratuito.
    Lascia la tua mail o clicca sulla X e leggi!

    L’”abbonamento” è gratuito e serve solo per informare delle prossime uscite della rivista.

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento